Addio a Giacomo Rallo, Signore di Donnafugata

Con dolore personale apprendiamo della scomparsa di Giacomo Rallo, un Signore del vino, uno dei più grandi imprenditori dell’Italia vitivinicola!

Riprendiamo da Cronache di Gusto:

“Patron e fondatore di Donnafugata, classe 1937, è la quarta generazione di una famiglia storica del vino siciliano che dal 1851 aveva creduto nelle straordinarie potenzialità enologiche della sua terra. Visionario, determinato, orgogliosamente siciliano, ha creato un’azienda che in poco tempo è diventata espressione di impresa, natura e cultura, intesi come impegno per la produzione di vini di alta qualità. Un progetto imprenditoriale che gli ha consentito di raggiunge traguardi ambiziosi. Alcuni anni fa è stato anche nominato “Cavaliere del lavoro” da parte dell’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il suo progetto di vino siciliano lo ha portato a varcare i confini della sua Marsala, piantando vigne a Contessa Entellina e nell’isola di Pantelleria ed è stato in grado di portare i suoi vini in vendita in oltre 50 Paesi del mondo. Eccellenza è stata la sua parola d’ordine. Ripetendo spesso che solo attraverso un rigore produttivo ed una valorizzazione dell’identità culturale del territorio, è possibile ottenere vini di grandissima qualità.

Giacomo e Antonio RalloÈ stato uno dei fautori del rinascimento del vino siciliano, assieme a pochissimi altri nomi è riuscito a far diventare il vino prodotto nell’Isola, un’icona del bere bene. Oggi Donnafugata è condotta anche dai figli Antonio e José. Tra l’altro, proprio Antonio tra pochi giorni è designato a diventare il presidente dell’Unione italiana vini, la prima volta di un siciliano. E siamo certi che questa nomina avrebbe reso felice Giacomo Rallo, non solo perchè si tratta di suo figlio ma perché porterà la Sicilia ad occupare un posto di primo piano nelle istituzioni del vino italiano. Appunto, orgogliosamente siciliano. Sono tanti gli attestati di stima e i messaggi di cordoglio inviati alla famiglia Rallo: “Apprendo con enorme dispiacere della morte di Rallo – dice Stefano Zanette, presidente del consorzio Porsecco Doc – un imprenditore di grandissima professionalità e straordinaria umanità. Il Consorzio Prosecco Doc tutto, si stringe intorno alla famiglia, in particolare ai figli Antonio e Josè e alla moglie Gabriella, ma anche a tutti i collaboratori dell’azienda che hanno fatto di Donnafugata uno dei brand italiani più noti e amati nel mondo”.

“Autorevolezza e semplicità, intelligenza e passione unita ad una forte carica umana. Giacomo Rallo io lo ricordo così: figlio di una generazione che ha portato il vino italiano alla ribalta internazionale e padre nobile di una tradizione dalla quale abbiamo ancora molto da imparare – dice Paolo Castelletti, segretario Generale Unione Italiana Vini – La sua è stata una storia esemplare di imprenditore che va oltre i confini della sua amata Sicilia: una storia dove la cultura della terra e la sensibilità della tradizione sono state capaci di fondersi con uno spirito umano di grande levatura morale”.

rallo_col“Con Giacomo Rallo scompare un uomo che con grande determinazione ha contribuito a rilanciare il vino siciliano nel mondo favorendo lo sviluppo del territorio”. Lo afferma Coldiretti Sicilia ricordando l’imprenditore morto stamani che ha saputo rivitalizzare il comparto vitivinicolo con investimenti mirati che hanno legato la qualità al marketing. “Grazie anche alla sua azione – commenta ancora Coldiretti Sicilia – oggi il “sicilian sounding” conferisce al vino un valore aggiunto inestimabile”.

http://www.cronachedigusto.it/component/content/article/19128-lutto-addio-a-giacomo-rallo-una-grande-perdita-per-il-mondo-del-vino-italiano.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.