Autoctoni i vini bianchi preferiti dalla ristorazione

È il vitigno autoctono il primo criterio di scelta per l’alta ristorazione: vale il doppio (67%) rispetto a denominazioni (32%), grandi brand (38%) e biologico (29%). E le sue etichette rappresentano la metà delle proposte in carta. È quanto emerge da un’indagine sulla presenza dei vini bianchi autoctoni nella ristorazione italiana segnalata dalle principali guide, realizzata da Nomisma-Wine monitor per l’Istituto marchigiano di tutela vini (Imt) e presentata oggi a Vinitaly.

LA TERRITORIALITA’

L’indagine rileva tutta la varietà del vigneto Italia in un solo dato. I 10 vitigni principali del Paese valgono il 40% dell’intera produzione italiana, pochissimo rispetto al resto del mondo. In Francia la top 10 rappresenta il 72%, in Spagna il 75,5%, negli Usa l’81,5%, in Australia l’88,2% e in Nuova Zelanda il 98%. Una varietà che si sta rivelando sempre più un valore aggiunto per i ristoratori (220 gli intervistati tra sommelier, titolari e cuochi): su 126 etichette di vini bianchi in carta, sono 64 le etichette di autoctoni, un dato che sale a 106 (50% del totale) nei ristoranti di fascia alta, a riprova del fatto che l’interesse cresce in maniera direttamente proporzionale alla qualità del ristorante. Qui, tra le regioni più rappresentate in carta, vince nettamente il Friuli Venezia Giulia (40%), seguita da Alto Adige (15%), Sicilia (9%) e Marche (7%). Poi Abruzzo, Trentino, Veneto, Campania, Piemonte e Valle D’Aosta. “Una classifica – ha detto il responsabile di Nomisma Wine Monitor, Denis Pantini – che non riflette la forza sui mercati ma che premia i vini che vincono sul piano dell’identità e della qualità. Marche, Campania, Trentino e Alto Adige per esempio, sono tutte regioni con un peso inferiore al 3% del totale della produzione enologica nazionale di vino bianco ma sono grandi potenze sul mercato dell’eccellenza”.

I VINI 

Alberto Mazzoni

Underachiever (che potrebbero fare di più), emergenti, immancabili e onnipresenti. Sono le 4 categorie riassunte in una matrice che incrocia il tasso di penetrazione nelle wine list con il potenziale produttivo in termini di superficie. Tra gli underachiever troviamo 4 tra i più diffusi vitigni autoctoni: il Glera (Prosecco), il Garganega (Soave), il Catarratto e il Trebbiano. Tra gli emergenti, alcune nicchie: Pignoletto, Passerina e Pecorino, mentre sono ‘immancabili’ nei ristoranti Falanghina, Fiano, Vermentino, Friulano, Traminer e un altro marchigiano, il Verdicchio. Onnipresente è infine il Moscato, nella maggioranza dei casi inteso nella sua interpretazione di vino dolce. In carta l’autoctono più presente (con esclusione della regione di appartenenza del ristorante) è il Traminer (Trentino e Alto Adige), presente nell’84% dei casi, prima di Moscato (78%), Tocai Friulano (74%), Vermentino (73%), Fiano (69%) e Verdicchio disponibile in 65 locali su 100. Seguono Falanghina, Trebbiano, Catarratto, Garganega, Pecorino (46%), Glera, Passerina (35%) e Pignoletto. Per il direttore Imt, Alberto Mazzoni: “Il Verdicchio è ben presente nei ristoranti italiani di qualità e ancor più lo è in quelli di fascia alta (83%). Ma non basta, il posizionamento nella ristorazione non è lo stesso di quello riscontrato nelle guide o tra i consumatori dove vantiamo 2 primati. È importante riuscire a crescere in questo segmento dell’on-trade, perché rappresenta un canale fondamentale per un’affermazione più remunerativa del prodotto sul mercato”.

VERDICCHIO E MARCHIGIANI

Verdicchio, Pecorino e Passerina compaiono in 7 ristoranti su 10, con il Verdicchio che detiene una rappresentanza del 65%, seguito dal Pecorino (46%) e dalla Passerina (35%). Le percentuali crescono se si prende in considerazione la fascia alta dei ristoranti segnalati dalle guide: qui il Verdicchio sale all’83% e l’85% delle carte vini detengono almeno un prodotto marchigiano, con una media di circa 6 etichette. La crescita dei bianchi della regione è sostanziata dai numeri: nella fascia alta i ristoratori dichiarano di averne aumentato le vendite, contro il 13% che registra una diminuzione. Ancora meglio il trend del Verdicchio che ha incrementato le vendite per il 31% del campione e diminuito per l’11%. Per il futuro, gli acquisti tra gli ‘user’ cresceranno nel 17% dei casi (del 20% nella fascia alta) mentre diminuiranno per il 4%. Tra le caratteristiche più apprezzate, quelle organolettiche al 51%, il prezzo (49%) e la versatilità nell’abbinamento, al 49% (60% nella fascia alta).

Ufficio stampa Istituto marchigiano di tutela vini – IMT: Ispropress

104 thoughts on “Autoctoni i vini bianchi preferiti dalla ristorazione”

  1. Acquista Viagra Italiano Generic Propecia Best Price [url=http://hxdrugs.com]buy cialis[/url] Alli Availability Buy Zithromax Online In Usa Cialis Dapoxetine Overnight Shipping

  2. buy accutane online forum [url=http://cialicheap.com]cheap cialis online[/url] Propecia Haare Wachsen Wieder Online Kamagra Francia Medicamentos Cialis

  3. Can Collies Take Keflex And Tramadol Viagra Gift Card [url=http://curerxshop.com]cialis canada[/url] Achat De Viagra Quebec

  4. Propecia Billig Cialis Effetti Negativi Why Cant I Import Kamagra To Canada [url=http://ciali20mg.com]tadalafil cialis from india[/url] Levitra 10 Mg 12 Stuck Will Alli Be Available Again Soon Propecia Topical

  5. Pingback: otc viagra
  6. Pingback: how much is cialis
  7. Pingback: viagra 100mg
  8. Pingback: best ed pills
  9. Pingback: erection pills
  10. Pingback: ed medication
  11. Pingback: cialis generic
  12. Pingback: cialis visa
  13. Pingback: levitra 20mg
  14. Pingback: levitra coupon
  15. Pingback: generic levitra
  16. Pingback: viagra sample
  17. Pingback: payday advance
  18. Pingback: cash payday
  19. Pingback: viagra cost
  20. Pingback: 20 cialis
  21. Pingback: cialis buy
  22. Pingback: dominik clifton
  23. Pingback: cialis to buy
  24. Pingback: online casinos
  25. Pingback: cialis generic
  26. Pingback: cialis 5 mg
  27. Pingback: cialis 20
  28. Pingback: clara
  29. Pingback: casino
  30. Pingback: free slots online
  31. Pingback: discount viagra
  32. Pingback: viagra for men
  33. Pingback: generic tadalafil
  34. Pingback: canadian viagra
  35. Pingback: viagra samples
  36. Pingback: generic tadalafil
  37. Pingback: buy viagra uk
  38. Pingback: viagra
  39. Pingback: cialis coupon
  40. how much will tier 2 viagra cost with insurance
    cheap viagra generic viaonlinebuy.us when to buy viagra
    little red pill from chinese viagra

  41. Pingback: rivers casino
  42. I am sure this piece of writing has touched all the internet visitors, its really really good paragraph on building up new weblog.

  43. Pingback: viagra for men buy
  44. side effects of taking viagra
    [url=https://www.v1agrabuy.com/#]buy viagra no prescription[/url]
    only have premature ejaculation when not taking viagra

  45. Pingback: viagra calgary buy
  46. maximum dose of viagra in 24 hours
    what happens if a man without an erectial difunction takes viagra
    taking viagra did not work

  47. I’ve been browsing online more than three hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. Personally, if all web owners and bloggers made good content as you did, the web will be a lot more useful than ever before.

  48. Pingback: tadalafil bnf
  49. You in truth constitute it look so promiscuous along with your presentation nevertheless I in finding
    this issue to be real single affair that I consider I would by no
    agency empathise. It variety of feels excessively building complex and real big for me.
    I am fetching a aspect ahead to your subsequent redact up, I wish attempt to puzzle
    the pay heed of it! http://www.stdstory.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.