Bortolomiol la strada della sostenibilità

Il vino dopo il coronavirus, le cantine si preparano con nuovi progetti e strategie.  Bortolomiol è certa che, per poter produrre vini di grande qualità, sia indispensabile iniziare da una cura attenta e responsabile del territorio e dei vigneti.

Nel 2011 nasce il Protocollo di Gestione Green Mark, un disciplinare interno che, attraverso una serie di indicazioni tecniche a cui i conferitori si devono attenere, mira al miglioramento qualitativo dei propri prodotti ed allo stesso tempo mira alla gestione dei vigneti che abbia il minimo impatto sull’ambiente.

Questo disciplinare, rispettato da parte di tutti i viticoltori conferenti le uve alla cantina, si aggiunge al protocollo del Consorzio del Conegliano Valdobbiadene, migliorando la difesa fitosanitaria, attraverso un utilizzo di prodotti meno impattanti.

Già nel 2008 Bortolomiol ha scelto di convertire i propri vigneti alla coltivazione biologica, approccio agricolo che vuole preservare l’ambiente naturale del vigneto intraprendendo un processo produttivo teso ad ottimizzare la qualità della produzione nel rispetto dell’ambiente e della salute umana, con l’obiettivo di creare un vero e proprio Distretto del Biologico nel cuore della Denominazione.

In questo periodo abbiamo avuto modo di pensare a come prepararci per la ripresa, spiega Elvira Bortolomiol _ Vice Presidente Bortolomiol”. Siamo sicuri che il focus centrale resterà sulla qualità dei nostri prodotti, e oggi più che mai, vogliamo puntare sulla selezione delle uve in cantina e in vigneto e sulle edizioni limitate, nonchè sul biologico, progetto che ci sta molto a cuore, come anche tutti i progetti legati alla sostenibilità e all’arte. Dopo aver fatto qualche tempo fa lo studio dell’impronta carbonica in riferimento al nostro processo produttivo stiamo arrivando anche alla certificazione.

Prosegue anche il progetto di legare sempre più il mondo del vino al mondo dell’arte. Il Parco della Filandetta è diventato un contenitore dove arte e vino si intrecciano. Oggi, ripartiamo proprio dalle nostre radici e da Valdobbiadene: nell’antica filanda che abbiamo recuperato stiamo lavorando per ricavare un museo multimediale che possa raccontare la storia delle donne che un tempo lavoravano proprio in questo stabile”.

Dal vigneto biologico sito nel cuore di Valdobbiadene – all’interno del Parco della Filandetta – nasce Ius Naturae Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Biologico, naturale conseguenza della filosofia produttiva attenta alle pratiche di viticoltura sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

All’interno di un progetto iniziato anni fa, Bortolomiol ha voluto tutelare la biodiversità del vitigno Glera attraverso la salvaguardia, lo studio ed il ripristino di materiale genetico di vecchi ceppi di vite autoctoni dell’area del Conegliano-Valdobbiadene, recuperando le piante più stabili – di oltre sessant’anni – capaci di portare ad un miglioramento della qualità e della produttività del vigneto. In questo modo, i nostri conferitori possono piantare delle barbatelle nei vigneti provenienti da piante autoctone, in grado di garantire una varietà genetica che risponda meglio alle varie annate.

55 thoughts on “Bortolomiol la strada della sostenibilità”

  1. Pingback: when to buy viagra
  2. Pingback: Viagra 120mg uk
  3. Pingback: Cialis 40mg price
  4. Pingback: Cialis 60mg online
  5. Pingback: Cialis 80 mg cheap
  6. Pingback: cheap Cialis 10mg
  7. Pingback: levitra 20mg price
  8. Pingback: lexapro 20 mg nz
  9. Pingback: actos 15mg coupon
  10. Pingback: allegra 180 mg nz
  11. Pingback: cialistodo.com
  12. Pingback: amaryl 2mg generic
  13. Pingback: buy atarax 25mg
  14. Pingback: buy benicar 20 mg
  15. Pingback: Biaxin 250mg uk

Comments are closed.