Fazio, vignaioli di Erice, promotori del loro terroir

In un contesto selvaggio tra il mare di Trapani e la montagna di Erice, con sullo sfondo le memorie greche antiche del tempio e teatro di Segesta, la famiglia Fazio da quattro generazioni è impegnata nella valorizzazione della vitivinicoltura di un territorio che in campo vinicolo sta offrendo molte soddisfazioni, quello di Erice.

Alla fine degli anni Novanta i fratelli Vincenzo e Girolamo Fazio, supportati dall’enologo Giacomo Ansaldi, hanno preso in mano le redini dell’azienda, rendendola nel giro di poco tempo una cantina vinicola conosciuta e apprezzata nel mondo.

L’azienda oggi possiede 100 ettari di proprietà e circa 300 in disponibilità, la produzione totale ammonta a circa novecentomila bottiglie l’anno. La famiglia Fazio, inoltre, è stata promotrice del riconoscimento della Doc Erice, simbolo della dedizione che lega l’azienda al territorio. La Casa vinicola Fazio ha a cuore la valorizzazione dei vitigni autoctoni come il Grillo, il Catarratto, l’Inzolia e il Nero d’Avola, che trovano nel comprensorio di Erice la propria culla naturale. Coraggiosi precursori di una viticoltura d’eccellenza, i Fazio non hanno temuto nel piantare (per primi in Sicilia) vitigni autoctoni più consoni al Nord, come il Muller Thurgau e spaziando nelle proprie produzioni con vini innovativi come il Grillo di mare frizzante.

Declinare il Grillo in tutte le sue forme, sfruttando l’estrema versatilità del vitigno e giocando con le zone di produzione in cui i vigneti sorgono per esprimerne al meglio le caratteristiche. Da questa idea nasce il nuovo vino Grillo di Mare”, il vino frizzante prodotto con Grillo in purezza. Il territorio è quello della Doc Erice, nella Sicilia Nord occidentale, sulle colline che guardano il golfo di Trapani da un lato e il Monte Erice dall’altro. Qui, nel vigneto a 450 metri di altitudine affacciato sul Mediterraneo, vengono coltivate le uve di Grillo che danno vita al Grillo di Mare.  “E’ una scommessa che la Casa vinicola Fazio sta facendo su questo vitigno – dice l’enologo Giacomo Ansaldi – il Grillo è la varietà che produciamo maggiormente e l’obiettivo è declinarlo in base ai vari territori di produzione. Potrebbe essere la premessa per una nuova scommessa futura dell’azienda: una bollicina prodotta con uve Grillo”.

Il territorio della Doc Erice

I vigneti dell’azienda crescono sulle colline alle pendici del monte Erice, tra i 250 e i 500 metri di altitudine. Il clima fresco e ventilato, la presenza di rilievi montuosi e la vicinanza del mare conferiscono a questi luoghi caratteristiche uniche. Il quadrante nord ovest della provincia di Trapani, infatti, produce uve a bacca nera ricche e concentrate, che si esprimono ad altissimi livelli in un territorio lungamente soleggiato ma caratterizzato da climi freschi e ventilati, generando vini morbidi ed eleganti. Per quanto riguarda le uve bianche, invece, la peculiare conformazione orografica, la natura geologica del terreno e le notevoli escursioni termiche favoriscono lo sviluppo di uve con una buona acidità, caratterizzate da profumi di fiori bianchi e da piacevoli note agrumate, che conferiscono ai vini eleganza e delicatezza.

Sostenibilità e rispetto per la natura

Per produrre uve di primissima qualità è fondamentale lavorare in perfetto equilibrio con l’ecosistema di cui si fa parte. La Casa vinicola Fazio opera nel rispetto dei ritmi imposti dalla natura, utilizzando sistemi naturali che limitino il più possibile l’impatto sull’ambiente. La sostenibilità parte dalla vigna attraverso la pratica di sovescio con favino, che favorisce il recupero dell’equilibrio dei suoli; con la riduzione del consumo di acqua attraverso impianti di irrigazione di soccorso a goccia collocati in sub-irrigazione; tramite l’uso di portainnesti con elevata resistenza allo stress idrico per ridurre il consumo di acqua; con una potatura corta dei tralci che riduce le rese per pianta; attraverso l’utilizzo di concime organico; con l’impiego esclusivo di sostanze eco-compatibili, come lo zolfo, per i trattamenti fitosanitari. In cantina vengono utilizzati vasconi senza eliche dotati di griglie di percolato del mosto vibranti con tecnologie soft, che evitano l’attrito con bucce, raspi e vinaccioli. La diraspatura avviene in cestelli centrifughi a bassa velocità, la pressatura è soffice sotto azoto e con crio-macerazione, e durante la fermentazione vengono utilizzati solo ceppi di lieviti naturali provenienti da varietà autoctone. La Casa vinicola Fazio ha portato avanti una ristrutturazione della cantina ispirata a criteri di compatibilità ambientale, con l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti dei magazzini. L’impianto fotovoltaico realizzato, della potenza di 190.kw, evita ogni anno di immettere in atmosfera circa 120 tonnellate di C02 e permette di ottenere un risparmio di circa 50 TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio).

Grillo di Mare Terre Siciliane Igt

I vigneti con cui si produce questo nuovo vino si affacciano sul mare e risentono dei benefici dell’influenza marina

Uve: Grillo; Alcol: 11,5% vol.; Temperatura di servizio: 6°C

Colore: brillante, giallo paglierino con leggeri riflessi verdognoli, vivace.

Olfatto: intenso, elegante, prevalgono fiori bianchi e frutta esotica.

Gusto: fresco delicato, la piacevolezza gustativa legata all’equilibrio tra sapidità e acidità

Cibo & vino: ideale per l’estate, si abbina al pesce e crostacei. Ottimo con la pizza ai frutti di mare.

Müller Thurgau Erice Doc

Vigneti posti a 450-500 metri s.l.m. dove l’escursione termica tra giorno e notte è molto forte e determina le caratteristiche di aromaticità e profumi di questo bianco del Nord.

Uve: Müller Thurgau; Alcol: 12,5% vol.; Temperatura di servizio: 8-10 °C

Colore: giallo intenso con riflessi dorati

Olfatto: intenso e persistente, con note delicatamente floreali di piccole rose per dare spazio a frutta esotica con ritorni agrumati

Gusto: intenso, vellutato, armonioso, elegante, ottimo rapporto freschezza/sapidità

Cibo & vino: gamberoni rossi alla griglia e crostacei

Pietra Sacra rosso riserve Erice Doc

Prodotto con uve Nero d’Avola provenienti dai migliori cru della Doc Erice, affinato in barrique di Allier-Tronçaise per ventiquattro mesi e un anno in bottiglia.

Uve: Nero d’Avola; Alcol: 14% vol.; Temperatura di servizio: 18 °C

Colore: rubino intenso con leggere sfumature aranciate

Olfatto: sentori di piccoli frutti di bosco in perfetto equilibrio con eleganti note di tabacco, cacao, liquirizia e pepe nero.

Gusto: possente e delicato, morbido ed avvolgente, con un finale molto persistente, ben armonizzato con la dolcezza e morbidezza dei tannini.

Cibo & vino: con braciole di agnello alla griglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.