Ferragosto al castello di Serralunga

Una serata di racconti e degustazioni, per accompagnare il pubblico lungo un tour del maniero attraverso i secoli e ascoltare aneddoti curiosi sul mondo del vino locale e su quello prodotto al tempo dei signori Falletti, nel XV secolo, fino ad arrivare all’uso agricolo del castello come cantina, nel XIX secolo, con Giulia di Barolo. Protagonista di Prosit! venerdì 16 agosto sarà l’azienda agricola Cagliero, dinamica realtà vitivinicola del territorio, con la degustazione finale del loro Barolo al piano più alto del castello, immersa in uno scenario di rara bellezza, affacciati sulla zona di produzione del re dei vini e le montagne dell’arco alpino.

Previsto un unico turno di visita in lingua italiana alle 19,00.

Si parte dal giardino, per poi proseguire fino al cammino di ronda del piano più alto, inizialmente protetto da merli, ancora visibili, e poi coperto dal tetto. Al termine della visita, con il sole ancora alto all’orizzonte, sarà possibile ammirare l’intero territorio della bassa Langa a 360 gradi, andando a individuare le zone di produzione del Barolo e il paesaggio scandito dai regolari e ordinati vigneti. Toccherà alla guida raccontare aneddoti e curiosità sulla storia del castello e del suo rapporto strettamente correlato con le attività agricole locali, dal medioevo a Luigi Einaudi, grande appassionato di vini che si interessò affinché il maniero fosse acquistato dallo Stato, cui tuttora appartiene, affidato al Polo Museale del Piemonte.

Prosit! è promosso da Barolo & Castles Foundation d’intesa con il Polo Museale del Piemonte, al quale il castello, bene statale, è affidato.

www.barolofoundation.it