Giusta remunerazione ai viticoltori, tutela dell’ambiente: i vini etici di Cantina Tollo

Produrre vino in maniera etica e responsabile, tutelando le persone, il loro lavoro e l’ambiente nell’ottica della qualità enologica. Questo l’imperativo di Cantina Tollo, che presenta a Vinitaly 2019 la nuova linea di vini dedicata al “Vigneto avanzato”, progetto di sostenibilità sociale, ambientale ed economica al quale l’azienda vitivinicola abruzzese lavora già da tempo.

Il “Vigneto avanzato” Cantina Tollo prevede uno specifico protocollo di qualità per la gestione dei vigneti che permette di ottenere il controllo di tutte le fasi produttive e un maggiore resa qualitativa. La distintività del progetto riguarda in particolare la retribuzione dei soci viticoltori, calcolata sulla base degli ettari lavorati e non sui quintali prodotti, nell’ottica di sostenere in maniera concreta la cultura della qualità enologica e supportare sul versante della redditività i soci della Cantina.

La nuova linea di vini dedicata al progetto “Vigneto avanzato” Cantina Tollo, presentata in occasione della 53esima edizione di Vinitaly, sarà composta da 2 varianti di Montepulciano d’Abruzzo Dop (giovane e riserva) e da 4 referenze biologiche (Montepulciano d’Abruzzo Dop, Cerasuolo d’Abruzzo Dop, Trebbiano d’Abruzzo Dop, Percorino Terre di Chieti Igp) e sarà distribuita nel canale gdo a partire dall’estate 2019.

Il positivo impatto ambientale del “Vigneto avanzato” Cantina Tollo nasce dalla consapevolezza del ruolo di ‘custodi’ della terra che hanno i nostri soci vitivinicoltori, in qualità di gestori dei propri fondi agricoli – commenta Tonino Verna, presidente di Cantina Tollo. Indirizzarne l’attività e garantirne il reddito attraverso questo progetto di sostenibilità a 360° significa tutelare l’ambiente, assicurare sostenibilità socio-economica e, non da ultimo, produrre vini di livello qualitativo superiore”.