Il “Nizza”: un nome breve che concentra la tradizione, la cultura e un territorio

Organizzata da ONAV Ancona si è tenuta venerdì 19 febbraio, presso il Ristorante degli Angeli a Varano di Ancona, un’ interessante degustazione monotematica intitolata: Il “Nizza”: un nome breve che concentra la tradizione, la cultura ed un territorio davvero unici ! L’intento della serata era far conoscere i vini prodotti da 100% uve barbera che dal 2008 al 2013 rientravano nella denominazione Barbera d’Asti D.O.C.G. Superiore Nizza, dal 2014 si possono fregiare della denominazione NIZZA D.O.C.G. e possono essere prodotti esclusivamente nei territori di 18 comuni situati intorno a Nizza Monferrato.

La salaTale zona è considerata l’eccellenza nell’ambito della vasta aerea di produzione della Barbera d’Asti che comprende 169 comuni di cui 118 in provincia di Asti e 51 in provincia di Alessandria.
Il Vice Delegato e responsabile delle monotematiche Andrea Berti, con l’ausilio della proiezione di slides esplicative, ha illustrato le caratteristiche dei terreni d’origine, la storia e la filosofia di produzione delle aziende che hanno fornito i campioni, con la collaborazione dei Consiglieri Provinciali, coordinati dal Delegato Luca Giampaolini.

Questi i vini presentati:

“Neuvsent” 2012 – Cascina Garitina
“Olim Bauda” 2011 – Tenuta Olim Bauda
“Sotto la Muda” 2010 – Az. Avezza Paolo
“Generala” 2010 – Az. Bersano
“Ru” 2010 – Az. Erede di Chiappone Armando
“La Court” 2009 – Az. Michele Chiarlo

I campioniLa degustazione tecnica ha mostrato l’alta qualità dei vini presentati che hanno evidenziato di possedere tutte le caratteristiche peculiari che il vitigno Barbera può esprimere in quel ristrettissimo territorio. Colore rubino intenso, al naso sentori floreali di viola e di frutti rossi, soprattutto ciliegia e mora, che si spingono fino a leggere note speziate, di vaniglia e cacao, dimostrando l’oculatissimo uso del legno, che esalta la morbidezza e l’eleganza del vino. Al palato seguono vellutate note tanniche ben fuse con il gusto di cioccolato e frutti rossi di sottobosco, con un finale lungo, persistente ed armonico. Si è potuto constatare, quindi, che essendo il territorio di Nizza storicamente tra i più vocati per il vino Barbera, il riconoscimento della “sottozona” “Nizza docg” ed il codice di autoregolamentazione molto severo di cui i produttori del Nizza si sono dotati, hanno fatto sì che i vini presentati siano tutti di standard qualitativo veramente molto elevato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.