ONAV Alessandria: il Gavi Docg e le sue declinazioni

Una serata alla scoperta di uno dei vini più rappresentativi del nostro territorio, esportato e conosciuto in tutto il mondo. Nel ristorante I due buoi di Alessandria, alla presenza del Presidente nazionale onorario ONAV Lorenzo Marinello e del Consigliere nazionale Gianluigi Corona, nella serata organizzata dalla delegazione di Alessandria, il Gavi Docg è stato il protagonista indiscusso. Prodotto tradizionalmente da uve cortese 100%, coltivate all’interno di una precisa area geografica, prevalentemente collinare, della fascia meridionale della provincia di Alessandria, negli undici Comuni che costituiscono la sua Denominazione: Bosio, Capriata d’Orba, Carrosio, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Tassarolo.

Gode di un microclima caratterizzato dalla mitezza del vento proveniente dal mare e dalla elevata escursione termica tra notte e giorno che, nell’ultima fase della maturazione delle uve, favorisce l’esaltazione dei profumi. La Docg “Gavi” o “Cortese di Gavi”  alle diverse tipologie che dal punto di vista analitico ed organolettico presentano caratteristiche indubbiamente peculiari. Il colore è paglierino più o meno tenue con riflessi verdognoli, profumo elegante e delicato, con sentori di frutta fresca e fiori bianchi, con note di agrume e mandorle amare, che si arricchisce con l’invecchiamento di profumi minerali e complessità; il sapore è asciutto, pieno, gradevolmente fresco e armonico, di grande eleganza e finezza. Quanto alle tipologie del Riserva, non sono più soltanto i profumi del frutto, ma anche ampiezza di naso e bocca più piena e ricca.

In rappresentanza dell’intero Consorzio, il Presidente Roberto Ghio ha  raccontato ai presenti la storia del Gavi, ribadendo l’amicizia e la vicinanza con l’Onav: “Una bellissima degustazione. Nonostante l’alluvione di questa settimana – dice – abbiamo potuto ripercorrere la storia del grande Bianco Piemontese, assaggiarlo nelle sue diverse tipologie (fermo, riserva e Spumante Metodo Classico) per ribadire ancora una volta la forte identità del Gavi Docg e il ruolo fondamentale dell’agricoltura e dei viticoltori per preservare il territorio che ne è la culla, purtroppo ancora una volta colpito da questo ultimo evento calamitoso. Ringraziamo l’Onav, il Presidente Onorario Lorenzo Marinello e il segretario  Gianluigi Corona per questa serata “in casa” a “I due Buoi” di Alessandria”. Accanto al presidente Ghio, c’era anche il produttore Andrea Spinola, noto anche per la produzione di vino kosher esportato all’estero.

I vini in degustazione, illustrati dal consigliere nazionale Gianluigi Corona, hanno permesso di cogliere le declinazioni previste dal disciplinare e le differenze organolettiche in base ai diversi terroir della Denominazione:

  • Marchese Luca Spinola Gavi del Comune di Gavi “CARLO” 2018
  • La Chiara Gavi del Comune di Gavi “LA CHIARA” 2018
  • Cant.Produttori del Gavi SCA Gavi del Comune di Gavi “MADDALENA” 2018
  • Alvio Pestarino Gavi “GIROSSA” 2018
  • Broglia Gavi del Comune di Gavi “LA MEIRANA” 2018
  • Magda Pedrini Gavi del Comune di Gavi “AD LUNAM” 2018
  • La Mesma Az.Agr. SS Gavi Riserva “VIGNA DELLA ROVERE VERDE” 2016
  • Ottosoldi Gavi Spumante “METODO CLASSICO” 2014

A fine degustazione è stato servito un piatto di risotto al Gavi Docg dello Chef stellato Jumpei Kuroda.

Danilo Poggio