ONAV Novara ospita tenuta Santa Caterina di Grazzano Badoglio

Venerdì 8 febbraio nella sala Guglianetti del Municipio di Sizzano si è tenuta una serata di degustazione dei vini della tenuta Santa Caterina di Grazzano Badoglio.La parte Sud-orientale del Piemonte è suddivisa in aree geografiche e storiche particolari legate alla coltivazione della vite, diventate patrimonio mondiale dell’UNESCO, che le descrive come “… un esempio eccezionale di interazione dell’uomo con il suo ambiente naturale …”.

Il Monferrato è parte di quest’area, un territorio collinare che è terra di grandi vini, compreso principalmente tra le provincie di Asti ed Alessandria. Si identificano tre zone in questa parte del Piemonte:
– Basso Monferrato, o Casalese, caratterizzato da basse collinette tra il Po e il Tanaro, in provincia di Alessandria;
– Monferrato Astigiano, che copre tutta l’omonima provincia eccetto le Langhe;
– Alto Monferrato, nella zona più meridionale, verso la Val Bormida e l’appennino ligure.

Tra i vitigni coltivati in questa zona del Piemonte viticolo, alla Barbera occorre riservare il posto d’onore. Tra gli altri vitigni a bacca rossa coltivati vanno citati il Grignolino e la Freisa mentre tra i bianchi il Chardonnay e il Sauvignon Blanc. Sono questi i vitigni coltivati nella Tenuta Santa Caterina.

Il Borgo di Santa Caterina (Caterina di Alessandria) inizialmente costituito come struttura difensiva dal 1737 assume l’identità di tenuta agraria. Dopo vari passaggi di proprietà nel 2000 viene acquistato dalla famiglia Alleva che opera un restauro conservativo restituendo l’antica bellezza a tutto il complesso edilizio. Le vigne sono coltivate attorno alla residenza settecentesca, curando l’abbinamento vitigno-terreno. L’analisi del substrato ha messo in luce la presenza di suoli d’origine marina, ricchi di fossili e pregiate marne, particolarmente vocati per la viticoltura.

La degustazione, guidata da Luciana Biondo, relatrice della serata, ha permesso ai presenti di degustare gli ottimi vini dell’azienda:
– Salidoro 2016, Monferrato Bianco DOC (75% Chardonnay, 25% Sauvignon Blanc)
– Arlandino 2016, Grignolino d’Asti DOC (100% Grignolino)
– M2012, Grignolino d’Asti DOC (100% Grignolino)
– VignaLina 2015, Barbera d’Asti DOCG Superiore (100% Barbera)
– Sorì di Giul 2013, Freisa d’Asti DOC Superiore (100% Freisa)
– Silente delle Marne 2014, Monferrato Bianco DOC (100% Chardonnay)

Maria Antonietta Zonca – foto Giuliano Musetti