Primo rapporto sul turismo enogastronomico

Il boom continua: +10% nell’ultimo anno. Toscana, Sicilia e Puglia le mete scelte dagli italiani sempre più in cerca di qualità e sostenibilità. Dopo il cibo locale, i mercati e i food truck al top delle preferenze.

Il turismo enogastronomico piace. Anzi, piace sempre di più. Un italiano su tre ha svolto almeno un viaggio motivato dall’enogastronomia negli ultimi tre anni. Già si era toccato il 21%, come rilevato dal Food Travel Monitor 2016. Ma ora i turisti enogastronomici salgono al 30%. Un dato che dichiara il nuovo ruolo dell’enogastronomia, che da elemento ‘accessorio’ si è trasformata in una componente in grado di influenzare le scelte di viaggio.

È una delle principali evidenze che emergono dal PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO ENOGASTRONOMICO ITALIANO, studio che traccia un quadro sul settore e delinea le tendenze di un segmento in forte crescita in tutto il mondo. Sotto l’egida dell’Università degli studi di Bergamo e della World Food Travel Association, ha il patrocinio di Touring Club, Ismea Qualivita, Federculture e la collaborazione di Seminario Veronelli e The Fork- TripAdvisor. E’ Roberta Garibaldi esperta a livello nazionale ed internazionale di turismo enogastronomico ha coordinato l’Osservatorio e ha promosso la ricerca “Questo lavoro mette a fuoco un trend in forte ascesa. Risulta sempre più evidente come la gastromania stia condizionando la scelta dei viaggi. Troviamo un rafforzamento su ogni fronte: ora gli italiani si muovono anche per cercare esperienze legate al cibo e al vino. Un atteggiamento sempre più simile a quello di molti stranieri.” Chiude il rapporto una sezione con il profilo del turista enogastronomico internazionale, la situazione nei principali Paesi del mondo e best pratice estere.

L’enogastronomia è una componente rilevante nelle scelte di viaggio degli italiani Il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina commenta cosi: “C’è una domanda crescente di servizi per i turisti del cibo che va soddisfatta di più e meglio. È molto positiva la crescita dei viaggiatori che visitano i nostri territori alla scoperta delle ricchezze enogastronomiche. Serve ora aprirsi ancora di più, aggiungendo alla qualità e alla sostenibilità la parola multifunzionalità. La ricezione turistica, anche attraverso l’apertura delle strutture produttive ai visitatori, può diventare uno strumento essenziale per avvicinare produttori e consumatori, oltre che essere una voce di reddito aggiuntiva. Su questa strada dobbiamo fare di più a partire dalla formazione professionale. Abbiamo bisogno di professionisti del cibo, che sappiano interagire anche con i turisti e i buyer stranieri. Il nostro impegno andrà avanti, come dimostrato di recente anche dalle nuove regole dell’enoturismo, che oggi rappresenta una delle chiavi più avanzate dell’agroalimentare italiano”.

Nell’allegato il rapporto completo: 00_CS rapporto turismo enogastronomico italiano 2018

62 thoughts on “Primo rapporto sul turismo enogastronomico”

  1. Pingback: levitra vs cialis
  2. Pingback: viagra for sale
  3. Pingback: cialis 20 mg
  4. Pingback: canada pharmacy
  5. Pingback: online slots
  6. Pingback: viagra cost
  7. Pingback: pala casino online
  8. Pingback: purchase cialis
  9. Pingback: online loans
  10. Pingback: quick cash loans
  11. Pingback: personal loan
  12. Pingback: viagra for sale
  13. Pingback: 5 mg cialis
  14. Pingback: online casinos
  15. Pingback: 20 cialis
  16. Pingback: Planet7
  17. Pingback: generic for cialis
  18. Pingback: new cialis
  19. Pingback: 20 cialis
  20. Pingback: dixie
  21. Pingback: viagra generic
  22. Pingback: casino world
  23. Pingback: casino world
  24. Pingback: slots real money
  25. Pingback: female viagra
  26. Pingback: sildenafil 100mg
  27. Pingback: viagra pills
  28. Pingback: viagra for men
  29. Pingback: buy viagra cheap
  30. Pingback: viagra canada
  31. Pingback: purchase viagra
  32. Pingback: droga5.net
  33. Pingback: when to buy viagra

Comments are closed.