Terra Madre Salone del Gusto compie 20 anni

Con il motto “Voler bene alla terra” il 17 maggio è stata presentata a Torino, l’evento Terra Madre Salone del Gusto che si terrà in città dal 22 al 26 settembre 2016.

A differenza delle altre edizioni il Salone ha modificato il nome, portando in primo piano Terra Madre, non sarà più accentrato nella struttura fieristica del Lingotto ma coinvolgerà tutta Torino: le piazze, le vie e i palazzi storici saranno la nuova location dei padiglioni espositivi, dei vari Laboratori del Gusto e delle lezioni della Scuola di Cucina dove attori saranno chef, mastri birrai, produttori. Si rinnovano anche le modalità di accesso del pubblico, non sarà previsto il biglietto di ingresso, l’evento è libero e gratuito, a pagamento saranno i seminari, i laboratori e gli appuntamenti a tavola. Alcuni numeri previsti per il Salone del Gusto 2016: oltre 800 espositori da più di 100 Paesi e 500 Comunità del cibo, 128 appuntamenti su prenotazione e Presidi da 55 Paesi da tutto il mondo. Alla presentazione, il Sindaco e l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte hanno sottolineato come il Salone sia un importante punto d’incontro non solo tra le realtà agricole di tutto il mondo ma anche un momento di solidarietà con l’accoglienza dei Delegati in abitazioni private e strutture grazie, in particolare, al contributo dell’Università, Coldiretti, CIA e di numerose altre associazioni. Piero Fassino, Sindaco di Torino, ha precisato che “Terra Madre Salone del Gusto potranno essere riferimento in un’edizione rinnovata per tutti coloro che aspirano a un ambiente migliore e vogliono un cibo ‘buono, pulito e giusto’”.

Nel corso della presentazione sono state portate alcune testimonianze tra cui quella dello chef pluristellato Davide Scabin che coniuga la cucina tradizionale alla creatività e ha sottolineato l’importanza dell’utilizzo dei prodotti di vicinanza “per valorizzare i piatti nazionali, dopo le varie mode e tendenze come quella del decennio precedente: la molecolare”. Il Presidente Internazionale di Slow Food, Carlo Petrini, a conclusione dell’incontro, ha puntualizzato i principali obbiettivi del Salone che è “quello di avvicinare maggiormente il grande pubblico alle tematiche legate al cibo, dalla produzione alla distribuzione al consumo” affinché “ molti più visitatori possano incontrare i produttori, assaggiare ottimi cibi e scoprire modi di produrli rispettosi dell’ambiente e della giustizia sociale, assistere alle molte conferenze e partecipare agli appuntamenti pensati principalmente per le famiglie”. Ha proseguito “vogliamo creare un evento in sintonia con i luoghi che lo ospitano sensibilizzando i visitatori al rispetto del nostro patrimonio. Sarà una grande sfida ma siamo certi che Torino e il Piemonte ci accoglieranno con l’entusiasmo e l’affetto che ci ha dimostrato ormai da tanti anni” e ha concluso “che questa sia una bella edizione, che tutti possiamo goderne, c’è il problema della pioggia ma: Terra Madre bagnata, Terra Madre fortunata” chiosando in langarolo “non abbiamo paura di due gocce di pioggia va bene ugualmente”.
Il programma è sul sito www.salonedelgusto.com.

Ezio Alini

One thought on “Terra Madre Salone del Gusto compie 20 anni”

  1. Zithromax Z Pak Dosage Clomid Pharmacie [url=http://levicost.com]filitra vardenafil tablets[/url] Macrobid 100mg With Free Shipping Sildenafil Citrate United States Cheap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.