Vinitaly, da Verona parte la sfida della prossima politica agricola comune

«Vinitaly ha segnato l’agenda di governo sull’agricoltura del Paese e continuerà a farlo. E come avevo fatto in passato proprio qui, oggi mi prendo l’impegno, annunciando che entro la fine di luglio avremo la prima bozza del testo del Codice agricolo unico».

Così annuncia il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, inaugurando Vinitaly 2017, alla presenza del presidente di Veronafiere Maurizio Danese, del commissario europeo all’Agricoltura e allo sviluppo rurale Phil Hogan, del sindaco di Verona Flavio Tosi, del presidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello, del presidente della Regione Luca Zaia e del presidente di ICE-Agenzia Michele Scannavini e Robert Yang, presidente e ad di 1919, il più grande operatore cinese della distribuzione online e offline in Cina.

Vinitaly si conferma così un appuntamento che va oltre la manifestazione fieristica, che pure è la prima al mondo per superficie espositiva e numero di visitatori, per essere uno dei momenti in cui si discute del futuro del vino e dell’agricoltura in ottica europea (ieri a OperaWine si sono celebrati i 60 anni dell’Europa Unita e la presenza del commissario Ue Hogan anche oggi va letta in questa direzione), di internazionalizzazione dei mercati, di innovazione e di crescita della qualità.

Sarebbe la 51ª edizione per Vinitaly, ma Veronafiere la considera, come spiega il presidente Danese, «l’edizione 50+1; per noi, infatti, questo è il primo dei prossimi 50, durante i quali vogliamo progettare il nuovo inizio, quindi i futuri cinquant’anni».

Il filo conduttore rimane la qualità, anche per la Politica agricola comune (Pac) post-2020, sulla quale nelle scorse settimane si è aperto il dialogo fra i Paesi comunitari. «Ho avuto modo di parlare con il ministro Martina – dice il commissario Ue all’Agricoltura, Phil Hogane sulla Pac continueremo a porre la qualità del cibo e del vino al centro delle politiche future».

Quest’anno, gli obiettivi principali dell’internazionalizzazione si concentrano su Stati Uniti e Cina, nell’ambito comunque di un incoming che nel 2016 ha visto a Vinitaly la presenza di buyer da 140 Paesi. All’inaugurazione i produttori incassano una promessa da Robert Yang, presidente e ad di 1919: «Puntiamo a raggiungere grazie al commercio online e offline almeno 500 milioni di renmimbi per il vino italiano, con non meno di 2 milioni di bottiglie vendute, delle quali almeno un milione di vino di alta gamma».

55 thoughts on “Vinitaly, da Verona parte la sfida della prossima politica agricola comune”

  1. Baclofen Vente [url=http://abuycialisb.com]canadian pharmacy cialis[/url] Viagra Pfizer France Buy Cialis Worldwide Cod Hydrochlorothiazide In Internet Mastercard

  2. Pingback: Levitra vs viagra
  3. Pingback: cialis on line
  4. Pingback: Viagra next day
  5. Pingback: cheap viagra
  6. Pingback: viagra 100mg
  7. Pingback: ed medications
  8. Pingback: pharmacy online
  9. Pingback: Buy cheap cialis
  10. Pingback: generic cialis
  11. Pingback: generic vardenafil
  12. Pingback: vardenafil generic
  13. Pingback: slot games online
  14. Pingback: buy generic viagra
  15. Pingback: online casinos
  16. Pingback: slot games online
  17. Pingback: cheap cialis
  18. Pingback: instant loans
  19. Pingback: pay day loans
  20. Pingback: viagra pills
  21. Pingback: real money casino
  22. Pingback: buy cialis
  23. Pingback: casino slots
  24. Pingback: cialis 5 mg
  25. Pingback: 20 cialis
  26. Pingback: 5 mg cialis
  27. Pingback: cialis buy
  28. Pingback: casino games
  29. Pingback: gambling games
  30. Pingback: viagra viagra
  31. Pingback: viagra sildenafil
  32. Pingback: viagra sildenafil
  33. Pingback: tadalafil dosage
  34. Pingback: cialis 5 mg
  35. Pingback: cialis 5 mg
  36. Pingback: gambling casino
  37. Pingback: free slots

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.