“Alla scoperta del futuro del vino: tra varietà resistenti e nuovi modelli di viticoltura”

La sostenibilità nella produzione del vino è una necessità sempre più impellente.

Per affrontare questa tematica e come le nuove tecnologie genetiche e la ricerca stiano facendo fronte a questa necessità, l’azienda veronese Tenuta Sant’Antonio ha deciso di promuovere il convegno dal titolo “Alla scoperta del futuro del vino: tra varietà resistenti e nuovi modelli di viticoltura”, che si è svolto venerdì 1 dicembre 2017 nella cornice di Villa Aldegheri di Colognola ai Colli (VR).

Tra i relatori Mario Pezzotti, professore del Dipartimento di Biotecnologie dell’Università di Verona, che ha tenuto l’intervento dal titolo ”Le nuove tecniche di miglioramento genetico nella vite per conciliare tradizione ed innovazione”, ed Eugenio Sartori, direttore generale di Vivai Cooperativi Rauscedo, con l’intervento “La viticoltura del futuro tra tradizione ed innovazione” moderati da Fabio Piccoli, direttore di Wine Meridian.

Come mai la scelta di questo argomento? “Abbiamo molto a cuore i temi della sostenibilità ambientale e della tutela della salute degli operatori, dei consumatori e dei cittadini in generale, come dimostra la strada che stiamo prendendo negli ultimi anni nella produzione dei nostri vini” hanno spiegato i fratelli Castagnedi, promotori del convegno.

“Il laboratorio dell’Università di Verona lavora ormai da 10 anni, in collaborazione con altre Università ed istituzioni scientifiche, alla ricerca sul fronte della genetica della vite. Oggi il genome editing, metodologie genetiche innovative che rompono il dna e lo correggono mutando alcuni geni, ci consente di intervenire sulla vite per la definizione di nuovi prototipi varietali più resistenti” ha detto Mario Pezzotti, docente dell’Università di Verona.

“L’ingegneria genetica permette ormai di creare nuove piante geneticamente modificate, che però hanno lo stesso assetto genetico della vite di partenza, conservando il patrimonio delle varietà autoctone italiane. Ciò permette di combinare le eccellenze varietali autoctone italiane con la più fine tecnologia genetica per l’ottenimento della sostenibilità nella filiera vite-vino.

Abbiamo responsabilità di conservare e migliorare il patrimonio varietale italiano, le tecnologie oggi esistono, la ricerca è pronta. Abbiamo bisogno dell’innovazione per preservare la tradizione. Ma la ricerca ha costi importanti che vanno sostenuti sia dalle istituzioni pubbliche che dal mondo delle imprese. Si tratta di un fattore fondamentale per poter garantire il futuro della vitivinicoltura di qualità nel nostro Paese” – ha spiegato Pezzotti.

“I Vivai Cooperativi Rauscedo, all’atto della costituzione dell’Istituto di Genomica Applicata di Udine nel 2006, hanno preso parte come socio finanziatore ai fini della valutazione dei vari vitigni resistenti e alla creazione di nuovi ad uva da vino e da tavola” ha raccontato Eugenio Sartori, direttore generale di Vivai Cooperativi Rauscedo. “Non possiamo non tenere conto di alcuni dati rilevanti: la diminuzione del 19,6% della superficie a vite in Italia negli ultimi 15 anni, specialmente nelle regioni del centro-sud; il bio da solo non basta a frenare la perdita di superficie; il consumo del vino è in calo costante (-17% in 15 anni) e per questo l’Italia è chiamata ad esportare.

Inoltre stanno cambiando le esigenze dei consumatori mondiali che chiedono prodotti a soddisfazione immediata e si fa fronte sempre di più una improcrastinabile esigenza della sostenibilità ambientale ed economica per il vigneto Italia. In virtù di tutte queste considerazioni un contributo può arrivare dalla genetica con varietà resistenti alle malattie. Perché le varietà resistenti? Portano miglioramento della sostenibilità, riduzione dei costi di produzione, salubrità del prodotto finale, e maggiore resistenza al cambiamento climatico” ha concluso Sartori.

Momento clou del convegno è stato la degustazione di alcune microvinificazioni derivanti da vitigni resistenti dai Vivai Cooperativi Rauscedo: SORELI; SAUVIGNON RYTOS; CABERNET VOLOS; CABERNET EIDOS; MERLOT KHORUS.

“Cinque esempi molto interessanti – ha concluso Tiziano Castagnedi – che dimostrano come la ricerca sulle varietà resistenti ci stia già dando risultati importanti sui quali impostare anche nuovi modelli vitienologici per garantire un futuro ancora competitivo alle nostre aziende”.

242 thoughts on ““Alla scoperta del futuro del vino: tra varietà resistenti e nuovi modelli di viticoltura””

  1. Furosemide 100 Mg Order Accutane From Canada [url=http://cialgeneri.com]canadian cialis[/url] Buy Tamoxifen For Research Kamagra Oral Jelly Aachen

  2. Buy Viagra From Egypt Rx Drug Support [url=http://bestviaonline.com]viagra[/url] Viagra En Ligne Pas Cher Cheap Viagra Pills No Prescription

  3. Finasteride 5 Mg For Sale Buy Propecia Uk Online Tadalis Sx Vente 10 Mg [url=http://mpphr.com]priligy super p-force[/url] Prix Cialis Pharmacie Maroc Buy Synthroid 175

  4. Cialis Purchases Without A Prescription Kamagra Pharmacy Online [url=http://buyviaa.com]buy viagra[/url] Propecia Forehead Hair Growth

  5. Pingback: cheap cialis
  6. Pingback: prices of cialis
  7. Pingback: levitra vs viagra
  8. Pingback: cialis otc
  9. Pingback: how much is cialis
  10. Pingback: cialis online
  11. Pingback: cvs pharmacy
  12. Pingback: cvs pharmacy
  13. Pingback: Cialis in usa
  14. Pingback: cialis online
  15. Pingback: vardenafil coupon
  16. Pingback: vardenafil dosage
  17. Pingback: levitra usa
  18. Pingback: real online casino
  19. Pingback: canada viagra
  20. Pingback: cialis 20 mg
  21. Pingback: loans online
  22. Pingback: personal loans
  23. Pingback: viagra cost
  24. Pingback: 20 cialis
  25. Pingback: money casinos
  26. Pingback: cialis 5 mg
  27. Pingback: site blackjack
  28. Pingback: cialis 20
  29. Pingback: 20 cialis
  30. Pingback: generic cialis
  31. Pingback: cialis buy
  32. Pingback: doubleu casino
  33. Pingback: canada viagra
  34. Pingback: cialis reviews
  35. Pingback: generic cialis
  36. Pingback: buy cialis
  37. Pingback: otc viagra
  38. Pingback: viagra online
  39. Pingback: buy generic viagra
  40. Pingback: canadian viagra
  41. Pingback: arava 20 mg nz
  42. Pingback: cialis ingredients
  43. Pingback: buy generic cialis
  44. Pingback: ceclor generic
  45. Pingback: celebrex canada
  46. Pingback: cipro medication
  47. Pingback: real online casino
  48. Pingback: casino slot
  49. Pingback: aarp car insurance
  50. Pingback: erie car insurance
  51. Pingback: Best price viagra
  52. Pingback: payday loans mn
  53. cialis pills for cheap [url=https://ccialisny.com/]order cialis online pharmacy[/url] cialis effects healthy men

  54. Pingback: cbd pills for sale
  55. Pingback: buy cbd oil
  56. se puede comprar levitra en la farmacia [url=https://llevitraa.com/]levitra buy online[/url] levitra 5 mg kullananlar

  57. Pingback: cleocin pharmacy
  58. Pingback: combivent price
  59. Pingback: Viagra mail order
  60. Pingback: compazine prices
  61. Pingback: coumadin 2 mg nz
  62. Pingback: cozaar usa
  63. Pingback: cheapest crestor
  64. Pingback: cheap ddavp 0.1mg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.