ONAV Asti: Orvieto, dagli Etruschi ad oggi: un “Classico” che racconta un territorio. 28/9 h.21

Nelle grotte di tufo tra Orvieto e Viterbo nascono le cantine dove riposa uno dei vini bianchi più antichi d’Italia. Sembra che siano stati gli Etruschi i primi artefici della vinificazione umbra.

L’Orvieto, un vino talmente legato al territorio da aver preso il nome della città al pari del Barolo o del Barbaresco. 

Cinque aziende, un’unica identità. Assaggeremo l’Orvieto Classico e i muffati delle cantine Palazzone, Tenuta Le Velette, Cantine Neri, Madonna del Latte e Sergio Mottura: otto vini per conoscere un’eccellenza con una lunga storia da raccontare.

Luogo dell’evento:  Circolo Don Bosticco, corso XXV Aprile 210 Asti

https://www.onav.it/eventi/piemonte/SezioneAsti/orvieto-dagli-etruschi-al-xxi-secolo-un-classico-che-racconta-un-territorio-2020-09-10

ONAV Mantova: Meunier … nel cuore della Champagne, alla scoperta di un grande vitigno 25/9. h.20.45

Vallée de la Marne innanzitutto, con differenze importanti tra la riva destra e la sinistra del fiume, l’entrata e le Bocche della Marna. E poi, qua e là, Petite Montagne, Coteaux sud d’Epernay e Vallée de l’Ardre: questi i territori di massima espressione dell’uva Meunier.

Ritenuto un moschettiere dall’arma spuntata, un gregario senza troppe velleità, questo “paracadute” del vigneto champenois è di animo generoso e forte. Grazie alla sensibilità interpretativa di accorti produttori, il Meunier ci accompagnerà alla scoperta del suo intrigante mondo.

6 esperienze sensoriali, 6 interpretazioni sincere, 6 blancs de noirs che non lasceranno indifferenti.

A raccontarci – con passione e competenza – le doti di questo vitigno sarà Daniela Guiducci, enologa specializzata in Spumantistica, docente Onav ma soprattutto una delle massime esperte in materia.

Luogo dell’evento: Ristorante VILLA CONTI CIPOLLA,Olfino di Monzambano – Strada Provinciale dei Colli , 60 46040 Olfino – Mn

https://www.onav.it/eventi/lombardia/SezioneMantova/meunier–nel-cuore-della-champagne-alla-scoperta-di-un-grande-vitigno–2020-09-02

ONAV Cremona. Vini estremi…La Valle d’Aosta. 25/9. h.20.45

In Valle d’Aosta, la vite viene coltivata fin dall’epoca romana, la continua eroica sfida dei vignaioli valdostani porta alla produzione di vini a volte straordinari che esprimono la tipica realtà vitivinicola di montagna. 

Piccole quantità, ma una grande qualità ed una grande varietà, sono infatti numerosi i vitigni autoctoni tra i quali: Fumin, Mayolet, Neyret, Petit Rouge, Prié Blanc, Roussin, per citarne alcuni.

Cinque sono le zone viticole più importanti della valle: Monte Bianco, Gran Paradiso, Monte Emilius, Monte Cervino e Monte Rosa

Guidati dal Presidente Vito Intini

Degusteremo:

Blanc de Morgex et de la Salle Metodo Classico Brut Nature 2012 – Cave Mont Blanc

Vallee d’Aoste – Petite Arvine DOP 2018 – Ottin

Vallee d’Aoste – Torrette Superiore DOP 2017 – Les Cretes

Vallee d’Aoste – Henri Syrah DOC  2016 – Maison Anselmet

Vallee d’Aoste – Fumin DOP 2016 – Les Cretes

Vallee d’Aoste – Pinot Nero DOP 2016 – Ottin

Vallee d’Aoste – Chambave Muscat DOC Fletri 2016 – La Vrille

Nel corso della serata il Presidente consegnerà il  Diploma di Assaggiatore a coloro che hanno terminato il corso nell’autunno 2019

Luogo dell’evento:  Sala ex scuola di Ombriano,  via della chiesa 5 Crema

https://www.onav.it/eventi/lombardia/SezioneCremona/vini-estremila-valle-daosta-2020-08-13

ONAV Aosta. Il Timorasso. 25/9. h20.30

Il Timorasso, degustazione di alto livello del grande bianco dei Colli Tortonesi,  salvato dall’estinzione da Walter Massa negli anni ’80, oggi si sta affermando come uno dei più grandi bianchi d’Italia, molto amato dai  cuochi stellati, con notevole potenziale di invecchiamento! 

La serata si svilupperà con la seguente carellata di annate:  2018, 2017 (2), 2016, 2015, 2013, 2011, 2009  dei migliori produttori 
– Walter Massa
– La Colombera
– Marina Coppi
– Claudio Mariotto
– Luigi Boveri. 

Luogo dell’evento: CAVE DES ONZE COMMUNES, Frazione Urbains, 14 AYMAVILLES

https://www.onav.it/eventi/valledaosta/SezioneAosta/il-timorasso-2020-09-12

ONAV Varese: Cabernet: Italia e resto del Mondo a Confronto. 1/10 h.20.45

Dedichiamo la nostra degustazione ad un vitigno molto antico che, con le sue due varietà, unisce il Nuovo e il Vecchio mondo.

Il Cabernet, che sia Franc o Sauvignon, si trova praticamente in quasi tutti i paesi dove si pratica la viticoltura e viene utilizzato per la produzione di alcuni tra i più blasonati vini esistenti, sia in blend che in purezza.

Durante la nostra serata, guidati da Lorenzo Colombo, andremo a confrontare, a bottiglie coperte, i vini prodotti in Italia con altri provenienti dalle più importanti zone al mondo che utilizzano detti vitigni: Francia (Bordeaux e Loira), California, Cile.

I vini in degustazione saranno 7.

Luogo dell’evento:  Villa Porro Pirelli, Via Edoardo Tabacchi 20 Induno Olona (VA)

https://www.onav.it/eventi/lombardia/SezioneVarese/cabernet-italia-e-resto-del-mondo-a-confronto–2020-09-11

ONAV Trieste: OLTREPO’ PAVESE – La risposta italiana alla Borgogna. 17/9. h.20.30

L’Oltrepò Pavese rappresenta la terza zona vitivinicola più importante della regione Lombardia. La zona è situata sulla riva destra del Po, a sud della provincia di Pavia, esattamente al confine con il Piemonte, la Liguria e l’Emilia Romagna, appena sopra la catena degli Appennini.

Durante la serata approfondiremo uno dei territori maggiormente vocati per la viticoltura in Italia, ma forse ancora troppo poco apprezzati! 

RICORDATI DI PORTARE I BICCHIERI E LA MASCHERINA

Sei i vini in degustazione, accuratamente scelti per l’occasione:

1. BRUNO VERDI, Vergomberra, 2015, Metodo classico

2. MONSUPELLO, Nature, Metodo classico

3. TENUTA MAZZOLINO, Terrazze 2018

4. BISI, Calonga 2015

5. TENUTA MAZZOLINO, Noir 2015

6. PICCHIONNI ANDREA, Buttafuoco Riva bianca 2016

Luogo dell’evento: Albergo-Hotel Sonia Domio 47 San Dorligo della Valle – Dolina

https://www.onav.it/eventi/friuliveneziagiulia/SezioneTrieste/oltrepo-pavese—la-risposta-italiana-alla-borgogna-2020-09-04

ONAV Roma Est: Metodo Classico da vitigno autoctono. 16/9. h.20

ONAV Roma inaugura l’anno sociale 2020/2021 nella suggestiva location del Casale del Fiscale, all’interno del Parco Regionale dell’Appia Antica, con una serata dedicata al Metodo Classico interpretato attraverso i vitigni autoctoni italiani.

Come sottolinea Attilio Scienza, uno dei massimi esperti mondiali di genetica della vite, l’Italia conta più di 500 vitigni autoctoni regolarmente vinificati e in buona parte inseriti nel Registro Nazionale delle Varietà di Vite. A questi se ne aggiungono molti altri destinati a piccolissime produzioni o non più vinificati. Solamente la Georgia, vera e propria culla del vino, possiede un numero altrettanto importante di uve autoctone che, però, solo in piccola parte vengono vinificate.

E se lo Champagne resta lo spumante Metodo Classico più famoso e venduto al mondo è altrettanto vero che l’Italia può vantare la più variegata produzione mondiale di spumanti. Ogni regione può, infatti, proporre uno o più vitigni autoctoni adatti alla spumantizzazione e sempre più sono le aziende che sperimentano con le seconde fermentazioni in bottiglia. Il risultato sono dei vini unici che riescono a dare un’originale interpretazione del territorio di provenienza, anche grazie alle incredibili differenze pedoclimatiche presenti sul nostro territorio.

Insieme ai produttori e guidati da Alessandro Brizi, delegato di ONAV Roma e caporedattore della rivista L’Assaggiatore, andremo alla scoperta di questi vini che da nord a sud disegnano una mappa alternativa delle bollicine italiane tra lunghe tradizioni spumantistiche e nuove e sorprendenti realtà.

Lista dei vini in degustazione:

Valle d’Aosta
– Cave Mont Blanc VDA Blanc de Morgex et de La Salle XT 2016 (Prié Blanc)

Piemonte
– Cieck Erbaluce di Caluso DOCG Spumante Nature (Erbaluce)
– La Scolca Metodo Classico Soldati Brut (Cortese)

Marche
– Colonnara Brut Metodo Classico Riserva Ubaldo Rosi (Verdicchio)

Lazio
– Cincinnato Metodo Classico Korì Pas Dosé (Bellone)
– Riserva della Cascina Metodo Classico Gaius Brut (Bombino Bianco)

Basilicata
– Cantine del Notaio Metodo Classico La Stipula Rosé Brut (Aglianico)

Puglia
– D’Araprì Metodo Classico Millesimato Riserva Nobile Brut (Bombino Bianco)

Sicilia
– Firriato Metodo Classico Gaudensius Blanc De Noir Brut (Nerello Mascalese)

Al termine della degustazione verrà servito un piatto con prodotti selezionati da Proloco DOL – Di Origine Laziale.

Luogo dell’evento: Ristoro Casale del Fiscale, Via dell’Acquedotto Felice 120 Roma

https://www.onav.it/eventi/lazio/SezioneRomaEst/metodo-classico-da-vitigno-autoctono-2020-08-08

ONAV Catania: serata sui vini biologici e biovegani. 16/9 h.20.45

L’incontro si svolgerà mercoledì 16 settembre 2020 alle ore 20,45, a Trecastagni presso Cantine Nicosia, in via Luigi Capuana, 65, una delle realtà più rappresentative del panorama enologico Siciliano.

Tema della serata: “Cultura e tecniche di coltivazione della vite con il metodo biologico, produzione dei vini biologici, biovegani e senza solfiti aggiunti”, secondo l’attento e ambizioso progetto messo in atto dal team di Cantine Nicosia”.

Relatore della serata l’agronomo di Cantine Nicosia, nostro docente nazionale, Alessandro Lo Genco.

Durante la serata, saranno degustati otto vini selezionati per voi da Cantine Nicosia in collaborazione con ONAV Catania, mettendo a confronto due zone della Sicilia orientale, vocate alla produzione di vini di qualità eccellente e valorizzate da oltre tre lustri dall’azienda vitivinicola Nicosia con i relativi vitigni autoctoni: i terroir dell’Etna e del comprensorio della città di Vittoria.

I vini in degustazione saranno:

–    IGT terre siciliane bio-perlage

–    Fondo Filara DOC Sicilia Grillo Biologico 2019

–    Tenute Nicosia Monte S. Nicolò Etna Bianco DOC 2019 da vigneto biologico in   conversione

–    Tenute Nicosia Monte Gorna Etna Bianco DOC Biologico 2019

–    Nicosia Frappato biovegan senza solfiti aggiunti 2019

–   Fondo Filara DOC Sicilia Nero d’Avola biologico 2018

–    Tenute Nicosia Monte S. Nicolò Etna Rosso DOC 2018 da vigneto in coltivazione biologica in conversione

–    Tenute Nicosia Monte Gorna Etna rosso DOC biologico 2017

https://www.onav.it/eventi/sicilia/SezioneCatania/onav-riparte—serata-sui-vini-biologici-e-biovegani-2020-09-10

ONAV Milano: la magnificenza del Pinot Bianco: due mini Verticali e una Rarità. 15/9 h.20.30

La Cantina Terlano è una delle più antiche cantine sociali dell’Alto Adige. Nata nel 1893, oggi la cantina presenta circa 120 associati che coltivano 160 ettari di vigneto.
Tali dimensioni ridotte contribuiscono in maniera determinante ad assicurare la qualità dei prodotti. L’archivio enologico della cantina rappresenta un unicum in Italia con le sue 100.000 bottiglie dall’annata 1955 ad oggi.

Durante questa serata unica, ci muoveremo su due mini verticali di due dei prodotti più apprezzati e noti della Cantina: Vorberg e Nova Domus.

Il vigneto Vorberg è situato versante meridionale del Monzoccolo ad un’altitudine tra i 450 e 950 metri s.l.m., dove crescono viti di circa 70 anni di età.
Il rudere del castello Casanova, riportato per la prima volta in un documento del 1206, si erge maestoso alle porte di Terlano. Altrettanto imponente e complesso si presenta l’omonimo vino, ottenuto da un uvaggio di Pinot bianco, Chardonnay e Sauvignon blanc.

Per rendere indimenticabile l’esperienza con il Pinot Bianco, degusteremo Rarity, la punta di diamante che viene prodotta in sole 3300 bottiglie non prima di aver passato almeno 10 anni in acciaio sui propri lieviti.

Guidati dal nostro Presidente Vito Intini, scopriremo la magnificenza del Pinot Bianco attraverso l’assaggio dei seguenti vini: 

Vorberg, Alto Adige Terlano DOC, 2013

Vorberg, Alto Adige Terlano DOC, 2011

Vorberg, Alto Adige Terlano DOC, 2010

Rarity, Alto Adige Terlano DOC, 2005

Nova Domus, Alto Adige Terlaner Classico DOC, 2012

Nova Domus, Alto Adige Terlaner Classico DOC, 2011

Nova Domus, Alto Adige Terlaner Classico DOC, 2010

Luogo dell’evento:  Leonardo Hotel Milan City Center, Via Messina 10 Milano

https://www.onav.it/eventi/lombardia/SezioneMilano/la-magnificenza-del-pinot-bianco-due-mini-verticali-e-una-rarita-2020-07-21