Il Gallo nero capofila italiano di un’alleanza mondiale per la tutela dei nomi di origine

“When it comes to wine, location matters”. ovvero quando si parla di vino, è il luogo che conta”. Così recita lo slogan di apertura del sito origins.wine, che illustra i motivi per cui 20 fra le più prestigiose regioni vitivinicole del mondo hanno sottoscritto un accordo per la protezione e promozione dei nomi e dell’origine dei vini (Joint Declaration to Protect Wine Place & Origin). Si tratta di un movimento transnazionale nato nel 2005 per tutelare le denominazioni d’eccellenza e orientare il consumatore di fronte a un’offerta enologica in costante espansione. Una sorta di mappatura mondiale dei territori vocati alla produzione di grandi vini, a cui ha aderito nel 2007 anche il Chianti Classico, unico distretto enologico italiano a sposare il progetto.

sdr
sdr

Le novità della Declaration saranno al centro di una tavola rotonda durante la due giorni di Chianti Classico Collection, in programma alla Stazione Leopolda di Firenze il 13 e 14 febbraio 2017, per testimoniare il crescente interesse nel mondo per la salvaguardia delle produzioni d’eccellenza e la rinnovata attenzione verso i prodotti di qualità. Il progetto della Declaration nasce per garantire la riconoscibilità delle produzioni d’eccellenza sui mercati internazionali, fornendo una sorta di garanzia d’identità alle etichette di pregio, prodotte in territori altrettanto prestigiosi. Più che un’organizzazione, si tratta di un’alleanza trasversale che si propone di  collaborare con governi locali e con la Comunità Europea affinché vengano offerte maggiori garanzie contro marchi contraffatti ed etichette menzognere.

La storia della Declaration ha origine proprio negli States, dall’alleanza tra alcune aree vocate alla produzione enologica, distribuite tra gli stati di Oregon, New York, Washington, oltre alla rinomata California, le cui etichette sono tra le più conosciute oltre-oceano. Oggi il movimento di protezione internazionale del vino di qualità conta 20 regioni celebri nel mondo, tra cui oltre al Chianti Classico in Italia, Bordeaux, Borgogna e Champagne in Francia, Tokaj in Ungheria, Jerez e Rioja in Spagna, Douro & Porto in Portogallo; Sonoma County, Willamette Valley, Walla Walla Valley, Napa Valley, Washington State Wine, Long Island, Santa Barbara, Oregon e Paso Robles negli USA e per finire dal continente australe, Barossa, Wine Victoria e i vini della Western Australia.

foto-018-500x333Il Chianti Classico è stata la prima (e fin qui unica) denominazione italiana ad aderire al progetto, sulla scia di una serie di interventi intrapresi per l’internazionalizzazione, ma anche per la tutela del marchio a livello transnazionale. “Il valore di questa alleanza è incommensurabile – commenta Sergio Zingarelli, Presidente del Consorzio Vino Chianti Classico – proprio perché coinvolge alcune delle più prestigiose regioni vitivinicole del mondo a garanzia di un rispetto reciproco per la tutela dei nomi di origine dei vini. E il fatto che questa sensibilità nasca e sia condivisa anche da prestigiose regioni vinicole di oltre-oceano, negli Stati Uniti e in Australia, che sono anche i nostri principali mercati, ci aiuterà sicuramente anche nelle battaglie a tutela dell’origine del prodotto in quei paesi che ancora non riconoscono ufficialmente il valore e l’importanza del concetto di denominazione di origine”.

Per fare un esempio dei “successi” della Declaration, nel 2016, cinque aziende della Napa Valley hanno rinunciato spontaneamente all’utilizzo del nome Porto sulle etichette dei loro vini da dessert fortificati. Inoltre la coalizione è riuscita a proteggere i nomi dei “luoghi dei vini” nel mondo online. I membri della Declaration hanno lavorato con Donuts, concessionario americano per i domini online, su un accordo per garantire che i domini con estensioni .wine e .vin. non venissero usati per confondere o trarre in inganno il consumatore finale. Grazie a questo accordo, il sistema delle denominazioni di origine dei vini europee ha ottenuto una sorta di diritto di prelazione per la titolarità dei domini sopra citati (es chianticlassico.wine e .vin). Perché quando si tratta di vino, non c’è niente di più importante dell’origine, quell’insieme costituito da territorio, vitigno, forme di coltivazione e clima. E i consumatori hanno diritto di conoscere le vere Origini di ciò che bevono.

46 thoughts on “Il Gallo nero capofila italiano di un’alleanza mondiale per la tutela dei nomi di origine”

  1. Pingback: viagra otc
  2. Pingback: viagra generic
  3. Pingback: cheap ed pills
  4. Pingback: order cialis
  5. Pingback: cialis visa
  6. Pingback: cialis visa
  7. Pingback: levitra dosage
  8. Pingback: vardenafil pill
  9. Pingback: vardenafil dosage
  10. Pingback: free slots online
  11. Pingback: real online casino
  12. Pingback: female viagra
  13. Pingback: casinos online
  14. Pingback: personal loan
  15. Pingback: cash loan
  16. Pingback: 20 cialis
  17. Pingback: cialis buy
  18. Pingback: cialis to buy
  19. Pingback: cialis 5 mg
  20. Pingback: kelly
  21. Pingback: generic cialis
  22. Pingback: slot machines
  23. Pingback: play casino
  24. Pingback: sildenafil viagra
  25. Pingback: sildenafil 20
  26. Pingback: viagra buy
  27. Pingback: tadalafil 20
  28. Pingback: generic cialis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.