La Coda di Volpe seduce il sushi e vince la sfida contro il tempo a Palazzo Viado

Il Coda di Volpe è un vitigno che ha origine antichissime, molto diffuso nell’areale campano, man mano abbandonato dai viticoltori sempre più orientati ad una logica che premiasse le alte rese e una facile gestione del vigneto.

Rientra nel mirino enologico agli inizi degli anni 90, quando il raffinamento delle tecniche enologiche e la “germinazione” della politica orientata al recupero del patrimonio ampelografico fa rinsavire gli operatori del settore, in questo fermento storico, la Coda di Volpe inizia a (ri)avere “voce in capitolo”.

Tenuta-Cavalier-Pepe-la-collina-e1432971339828Da circa un ventennio la Coda di Volpe sgomita al fianco dei più blasonati Greco e Fiano per (ri) trovare la sua collocazione nell’olimpo dei bianchi. La Verticale storica di “Bianco di Bellona”- Coda di Volpe Doc dell’ azienda Tenuta Cavalier Pepe, porta la firma di due dei massimi esperti in enogastronomia campana: Giustino Catalano organizzatore dell’evento e Luciano Pignataro moderatore della degustazione; alla presenza di pareri autorevoli intervenuti all’evento “Il Bianco dagli occhi a mandorla” la scelta della location -per niente scontata- apporta il suo prezioso know How: Palazzo Vialdo un vero tempio del gusto, capace di “marcare”la filosofia del cibo da ogni angolazione.

sushi (Palazzo Vialdo)Alla sfida ardua di sconfiggere il tempo, Catalano ne lancia un’altra, decide di rompere gli schemi abbinando la Coda di Volpe al sushi, scelta saggia e di larghe vedute che tiene conto delle nuove tendenze gastronomiche e della necessità dei produttori di trovare nuovi sbocchi commerciali. Le ultime tendenze, sempre più rivolte alla contaminazione e ad una cucina in stile fushion, sono capaci di riscontrare il parere favorevole di una sostanziale fetta di pubblico, risulta vincente -dunque- una sensibilizzazione della logica di abbinamento cibo-vino, mirato ad una matrice etnica-italiana. Inoltre, in un contesto d’ipersaturazione del mercato italiano (conseguenza di un calo del consumo pro-capite e aumento della produzione interna), risulta vincente la scelta di orientarsi ai mercati esteri puntando su vini versatili e in grado di accostarsi ad un ventaglio variegato di sapori.

01-palazzo-vialdo-waAl tavolo imperiale: Milena Pepe, titolare dell’azienda, attorniata da esperti del settore: sommelier, enologi, giornalisti e naturalmente Luciano Pignataro che ha condotto la degustazione. I risultati sono stati sbalorditivi. La Coda di Volpe date le sue caratteristiche enologiche è sempre stato considerato un vino da “pronta beva” e non adatto al lungo affinamento, ma in barba ai bassi livelli di acidità fissa, a quelli alti di ph e all’assenza di precursori aromatici, la Coda di Volpe gioca la sua partita contro il tempo con le sue armi migliori: l’equilibrio ed una straordinaria mineralità, fil rouge  vivido dall’annata 2015 al millesimo 2005. I connotati di fiori e frutta bianca emerse nelle annate della “prima infanzia” hanno lasciato il posto a note agrumate nelle annate centrali, poi -andando a ritroso- a sentori canditi e ad echi sottili di miele e cera, intercettati nelle annate old. Un crescendo di eleganza e compostezza che ha lasciato tutti a bocca aperta.

La Coda di Volpe ha decisamente vinto la sfida contro il tempo e retto “a pieni voti” il confronto che lo vede abbinato non per forza a piatti territoriali; un elogio alla versatilità ed alla capacità di esaltare sapori esotici e raffinati come il sushi e le spezie usate nella sua preparazione, una caratteristica in grado di rendere un vino apprezzato da un target ampio e, nel contempo, competitivo sui mercati. Enoappassionati, qui si parla di roba seria, un vino versatile e che non soffre gli “inestetismi” del tempo. Ma vuoi vedere che la Coda di Volpe prima o poi diventerà un vino considerato da “lungo affinamento”? Noi, operatori del settore ci auguriamo proprio di sì!

Di Roberta Raja

75 thoughts on “La Coda di Volpe seduce il sushi e vince la sfida contro il tempo a Palazzo Viado”

  1. Pingback: viagra coupon
  2. Pingback: price of cialis
  3. Pingback: viagra generic
  4. Pingback: ed pills
  5. Pingback: ed medications
  6. Pingback: top erection pills
  7. Pingback: rx pharmacy
  8. Pingback: rx pharmacy
  9. Pingback: Real cialis online
  10. Pingback: cialis generic
  11. Pingback: levitra 10mg
  12. Pingback: vardenafil cost
  13. Pingback: vardenafil canada
  14. Pingback: buy viagra
  15. Pingback: pala casino online
  16. Pingback: cialis tadalafil
  17. Pingback: loans online
  18. Pingback: online loans
  19. Pingback: viagra for sale
  20. Pingback: generic for cialis
  21. Pingback: 20 cialis
  22. Pingback: 5 mg cialis
  23. Pingback: reva
  24. Pingback: cialis generic
  25. Pingback: cialis 5 mg
  26. Pingback: generic for cialis
  27. Pingback: purchase viagra
  28. Pingback: online slots
  29. Pingback: online slots
  30. Pingback: doubleu casino
  31. Pingback: canada viagra
  32. Pingback: generic viagra
  33. Pingback: sildenafil citrate
  34. Pingback: viagra generic
  35. Pingback: tadalafil generic
  36. Pingback: viagra generic
  37. Pingback: cheap tadalafil
  38. Pingback: viagra cost
  39. It is appropriate time to make some plans for the future and it’s time to be happy. I have read this post and if I could I desire to suggest you few interesting things or tips. Maybe you could write next articles referring to this article. I wish to read even more things about it!

  40. Pingback: tadalafil citrate
  41. Pingback: casino
  42. Pingback: free slots
  43. Woah! I’m really enjoying the template/theme of this blog. It’s simple, yet effective. A lot of times it’s tough to get that “perfect balance” between superb usability and appearance. I must say you’ve done a great job with this. Additionally, the blog loads extremely fast for me on Opera. Excellent Blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.