Mais, non solo polenta

Il mais, nell’immaginario collettivo, è quasi sempre associato alla polenta con i suoi lunghi tempi di cottura ma, per ovviare a questo, in commercio si trovano farine per polenta istantanee o quasi, che hanno come risultato un’insapore “pappa” morbida e giallastra.  

Fino agli anni ’50 del secolo scorso, il mais era uno dei principali, se non il principale, alimento delle popolazioni rurali. Famosa è la scena del film “Novecento”, di Bernardo Bertolucci, dove un’aringa appesa a una trave, collocata al centro della tavola, era toccata delicatamente con fette di polenta; l’aringa serviva da condimento alla misera polenta e doveva durare per numerosi pasti.  Era però una polenta ottenuta con varietà di mais locali profumata e gustosa. Nei decenni successivi arrivarono degli ibridi dall’America, mais più vigorosi, sterili e con pannocchie più grandi, le varietà locali continuarono essere coltivate solo per autoconsumo.

All’inizio degli anni 2000, la Provincia di Torino attivò una politica di valorizzazione dei prodotti locali legati dal territorio tra i quali inserì anche gli antichi mais come l’Ottofile, il Pignoletto, l’Ostenga, il Nostrano dell’isola: esempi significativi di biodiversità. Varietà che si differenziano sia per qualità che per caratteristiche organolettiche utili per un diverso utilizzo gastronomico, senza dimenticare che un cereale senza glutine.  Per portare l’attenzione su queste produzioni, l’associazione Antichi Mais piemontesi ha organizzato un evento “Libero Mais” nelle giornate del 20 e 21 gennaio 2018.  Sabato, a Pollenzo nella sede dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, è avvenuto il primo incontro nazionale della rete di Slow Mays (Slow Food Italia e Associazioni dei mais locali) che il presidente Associazione Antichi Mais Piemontesi Loris Livio Caretto ha indicato come “un importante occasione di incontro tra produttori, agronomi ed università nel quale si sono definite le linee guida della rete”.

Domenica, l’evento è continuato a Torino, presso Gruppo Abele/Binaria, suddiviso in due momenti: un convegno al mattino e un laboratorio del gusto al pomeriggio, il tutto completato dal mercato dei produttori ed esposizione di prodotti a base di antichi mais provenienti da tutta l’Italia. Un convegno su ”Recupero e valorizzazione degli antichi mais”, con relatori provenienti dal mondo universitario, importanti tecnici del settore  e dal settore agricolo  con una grandi professionalità: a partire dalla presenza della camera di commercio il cui Presidente  ha espresso la sua soddisfazione “non solo per la numerosissima partecipazione al convegno , ma anche per le adesioni  ai laboratori del gusto : NON E’ SEMPRE POLENTA … dove appassionati, giornalisti ,blogger hanno potuto degustare polente e dolci non solo piemontesi, ma anche di altre regioni d’Italia” .

L’evento si è concluso con laboratori didattici: “Giocare con la biodiversità” dove “i bambini hanno potuto scoprire la ricchezza e le varietà dei semi”.

Per maggiori informazioni sulla realtà produttiva e sul progetto visitare il sito www.antichimaispiemontesi.it

Ezio Alini

56 thoughts on “Mais, non solo polenta”

  1. Pingback: ed pills otc
  2. Pingback: men's ed pills
  3. Pingback: top erection pills
  4. Pingback: cialis 20 mg
  5. Pingback: online pharmacy
  6. Pingback: generic cialis
  7. Pingback: Buy cialis
  8. Pingback: vardenafil canada
  9. Pingback: cheap vardenafil
  10. Pingback: sildenafil 100mg
  11. Pingback: casino
  12. Pingback: purchase cialis
  13. Pingback: cash advance
  14. Pingback: 5 mg cialis
  15. Pingback: cialis internet
  16. Pingback: cialis to buy
  17. Pingback: joanne
  18. Pingback: buy cialis
  19. Pingback: 5 mg cialis
  20. Pingback: cialis 5 mg
  21. Pingback: buy generic viagra
  22. Pingback: gambling casino
  23. Pingback: online casinos
  24. Pingback: real money casino
  25. Pingback: sildenafil generic
  26. Pingback: discount cialis
  27. Pingback: viagra for sale
  28. Pingback: viagra samples
  29. Pingback: buy tadalafil
  30. Pingback: chumba casino
  31. Pingback: casino online
  32. Pingback: cialis online

Comments are closed.