Pinot grigio delle Venezie a un passo dal riconoscimento comunitario

Il 2019 ha rappresentato una vera e propria sfida per il Consorzio delle Venezie, che ha dovuto affrontare una situazione congiunturale decisamente complessa in coda a una campagna caratterizzata da un calo produttivo del 25% sull’anno precedente che (risultato delle forti, ma necessarie, misure di governo sull’offerta che hanno preceduto la penultima vendemmia). Ma nonostante ciò la Denominazione triveneta – che riunisce gli operatori della filiera produttiva del Pinot grigio DOC del Friuli-Venezia Giulia, della Provincia Autonoma di Trento e del Veneto a dicembre 2019 si posiziona tra le DOC più performanti a livello nazionale con un +34% e un aumento di quasi 58 milioni di bottiglie vendute sul 2018, raggiungendo i 223 milioni di bottiglie complessive e osservando una buona crescita della domanda in un momento di incertezza del mercato.

Numeri di grande importanza per il Consorzio che – a un passo dal riconoscimento ministeriale e dell’ufficiale attribuzione dell’incarico a svolgere le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, informazione (primavera 2020) e il relativo erga omnes – da sempre strizza l’occhio all’export con una media del 95% dell’imbottigliato che oltrepassa il confine, e che riconferma a gran voce il forte posizionamento del Pinot grigio DOC italiano nei mercati internazionali, trainati – finora – da USA, UK e Germania.
Nonostante i risultati certamente incoraggianti, il Consorzio continua nella sua opera disalvaguardia del valore economico della DOC – e di un’equilibrata ripartizione dello stesso attraverso tutti i comparti della filiera vitivinicola – impegnandosi a mantenere l’equilibrio raggiunto in questa ultima campagna di commercializzazione.

“La Denominazione non ha ancora raggiunto il riconoscimento economico e sociale sperato e meritato, e su questo dobbiamo lavorare ancora molto al fianco dei produttori e di tutta la filiera” sostiene il Presidente Albino Armani e continua,“Nel 2019 la DOC del Pinot grigio è stata capace di affrontare una congiuntura complessa tra le due ultime campagne di commercializzazione e di raggiungere buoni risultati. Il Consorzio si augura di mantenere questo trend positivo, continuando a remare contro a possibilità di espansione della produzione e scongiurare rischi di speculazioni sui prezzi in favore di un clima di serenità commerciale. Il compito chiave della Denominazione tramite il Consorzio è chiaro: una filiera produttiva interamente tracciata è una garanzia per gli stessi produttori e, soprattutto, una tutela per il consumatore”.

 

54 thoughts on “Pinot grigio delle Venezie a un passo dal riconoscimento comunitario”

  1. Pingback: cialis for sale
  2. Pingback: is cialis generic
  3. Pingback: discount viagra
  4. Pingback: online viagra
  5. Pingback: generic levitra
  6. Pingback: canadian cialis
  7. Pingback: viagra for sale
  8. Pingback: levitra vs viagra
  9. Pingback: viagra 50mg
  10. Pingback: cialis cost
  11. Pingback: top rated ed pills
  12. Pingback: ed medications
  13. Pingback: viagra for sale
  14. Pingback: pharmacy online
  15. Pingback: cialis mastercard
  16. Pingback: buy vardenafil
  17. Pingback: vardenafil 10mg
  18. Pingback: levitra pill
  19. Pingback: buy viagra online
  20. Pingback: slot machine games
  21. Pingback: instant loans
  22. Pingback: instant loans
  23. Pingback: cash payday
  24. Pingback: fruit slots
  25. Pingback: viagra cost
  26. Pingback: generic cialis
  27. Pingback: best casino online
  28. Pingback: generic for cialis
  29. Pingback: 5 mg cialis
  30. Pingback: casino game
  31. Pingback: casinos online
  32. Pingback: casino
  33. Pingback: viagra samples
  34. Pingback: what is viagra
  35. Pingback: tadalafil 10mg
  36. Pingback: otc viagra
  37. Pingback: tadalafil 20
  38. Pingback: viagra generic
  39. Pingback: online casino usa

Comments are closed.