Quando il Vino sposa la Gastronomia: la sinergia tra ONAV e le Cesarine

Cesarine è una community italiana di oltre 1000 cuochi e cuoche, professionisti e non, accomunati dall’amore per la cucina del nostro Paese. Questa passione si realizza nella propria casa, dove cucinano per viaggiatori, soprattutto stranieri, alla ricerca di piatti tipici del territorio. Il network di home cooking è nato nel 2004 e, allora, fu particolarmente apprezzato da donne adulte.

Dal 2014, invece, le Cesarine sono richieste anche da coppie e piccoli nuclei famigliari. Negli ultimi anni le prenotazioni sono ricercate anche da gruppi di amici o solotraveller poiché la cultura enogastronomica del nostro Paese è sempre più di interesse trasversale. Di fatto le Cesarine valorizzano e condividono il cibo made in Italy in più di 400 città italiane perciò sono definite “ambasciatrici delle eccellenze italiane”.

ONAV e le Cesarine

Gastronomia e vino, turismo ed enogastronomia sono dei matrimoni inscindibili soprattutto dove e quando vino e cibo fanno parte della cultura di un popolo.“ Questa è la premessa di Francesco Iacono, Direttore ONAV, per l’unione tra ONAV e Cesarine. Continua il direttore nell’intervista: “Le Cesarine costituiscono un modo nuovo ed innovativo per l’accoglienza “domestica”, un punto di forza della nostra tradizione. L’ospitalità, unita alla sapienza della cucina e all’utilizzo di ingredienti locali, non avrebbe potuto trovare migliore completezza nel vino”.

Cesarine ha contattato ONAV per stringere una collaborazione a inizio 2020, sicura della sinergia delle due realtà: educare e promuovere i prodotti enogastronomici del territorio italiano, in Italia e all’estero. ONAV ha accolto l’invito e l’ha allargato a tutti i suoi soci lasciandoli scegliere se presentare la loro candidatura alle Cesarine. Da questa alleanza, senza fini di lucro, è nata la figura della/del Cesarina/o Wine Expert: assaggiatori ONAV che promuovono esperienze di degustazione nelle loro case, attraverso Wine Tasting Sessions.

Viceversa, spiega Francesca Comolli, Communication & Special Projects delle Cesarine, “le Cesarine, già iscritte al Network e le nuove candidate con formazione enologica, possono proporre eventi prettamente culinari (pranzi, cene e corsi di cucina) e degustazioni dei vini del proprio territorio – previa dimostrazione delle proprie conoscenze in entrambi gli ambiti -”. Alle esperienze enoiche sono abbinate stuzzichini e piatti che esaltino il legame tra la bevanda di Bacco e i prodotti della terra di appartenenza. Di seguito vi condividiamo un’esperienza concreta.

Giancarlo Sattanino socio Onav, Wine Expert delle Cesarine.  Farmacista la cui passione e preparazione per il vino l’hanno portato dal 1987 ad iscriversi ad ONAV. Nell’associazione è docente del corso per assaggiatori, relatore nelle serate mensili e giudice della Douja d’Or, concorso enologico nazionale tenuto a settembre nella città di Asti. Oltre ad ONAV presenta annualmente diversi vini ad altri professionisti e alla stampa anche per la famosa festa del Ruchè e per la Camera di Commercio.

Questo suo spirito intraprendente e la conoscenza del vino, l’hanno portato appena iniziato il progetto a febbraio, a candidarsi come Wine Expert delle Cesarine. Qualche settimana dopo la verifica e l’accettazione della sua candidatura è scoppiata l’emergenza Covid-19 annullando tutte le attività in programma. Durante la quarantena, Sattanino ha proposto alle Cesarine delle registrazioni video di 2-3 minuti con mini degustazioni virtuali Vino-Cibo.

Le degustazioni virtuali usciranno settimanalmente per tutta estate, attualmente, però, ONAV e Cesarine si stanno accordando per assaggi face-to-face, in sicurezza, visto che l’emergenza Covid non è ancora superata.

Marika Visentin