Sulla Strada del grande vino d’Oltrepò pavese

Il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ha firmato in questi giorni una Convenzione con l’Associazione Strada dei Vini. Un accordo non solo formale ma soprattutto concettuale e promozionale per fare squadra e ampliare la rete di comunicazione e di promozione di un mondo che si muove in sinergia e ha un unico importante obiettivo: promuovere l’Oltrepò del Vino, attraverso messaggi di valorizzazione, di qualità, di territorio per fare crescere una storica realtà vitivinicola che punta molto anche sulla trasformazione di un territorio – ad un’ora da Milano e da altri grandi centri nervalgici del nord Italia – da puramente rurale e agricolo a turistico, nel settore in crescita del turismo esperenziale e di prossimità.

“La convenzione non è altro che la realizzazione di un progetto di rete istituzionale e privata, di un mondo rappresentato in tutti i suoi segmenti della produzione e della comunicazione – dice il presidente del Consorzio Tutela Vini OP Gilda Fugazza  –  perché una squadra forte e ben rappresentata può costituire il presente e il futuro di questa terra del vino che ha vera storia, ha biodiversità e ha intrapreso una strada della sostenibilità, una terra che è ancora poco conosciuta e pronta ad essere valorizzata e apprezzata”.

“È un’azione importante ed è anche un segnale giusto che il nuovo CDA della Strada dei Vini vuole sottolineare – spiega il presidente Giorgio Allegrini – Con questa convenzione tutti i soci del Consorzio (che ne hanno le caratteristiche) sono automaticamente iscritti alla Strada dei Vini. Diventa un servizio ai soci e nel contempo facciamo rete con un ente fondamentale per lo sviluppo del territorio, il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, con cui condividiamo idee e progetti, concreti e da affrontare subito perché stiamo vivendo un cambiamento epocale per il nostro bellissimo territorio”.

Il presidente dell’Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese ETS, nel rispetto delle linee e degli obiettivi condivisi con l’unanimità del suo CdA, ha sancito dunque una collaborazione e cooperazione finalizzata alla promozione del territorio e dei prodotti locali, con particolare riguardo al contesto vitivinicolo, previa condivisione di progettualità e di obiettivi.

“Il 2021 è iniziato con la quarta inserita, forse anche la quinta.  – dice il direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese Carlo Veronese – Nonostante il tempo pandemico che ci costringe ad essere prudenti sulla progettualità abbiamo tutti deciso di darci dentro perché non vogliamo rincorrere ma piuttosto anticipare sentendo forte la responsabilità di un Territorio che vuole muoversi compatto per promuovere tutto il bello e il buono che c’è in Oltrepò Pavese”.