Vinarius alla scoperta del Collio e dei suoi protagonisti

Dopo l’assegnazione del  “Premio al Territorio” l’associazione delle enoteche italiane sarà nel Collio per conoscere uno dei terroir più famosi per la produzione di vini bianchi.

1400 ettari in provincia di Gorizia, al confine con la Slovenia, sulle cui ripide colline nascono gli autoctoni Friulano, Ribolla Gialla e Malvasia, insieme agli internazionali Sauvignon, Chardonnay e Pinot Grigio.  È questo il Collio, un angolo di Friuli Venezia Giulia protagonista e guida del rinascimento del vino italiano. Un’area altamente vocata, cui l’associazione delle enoteche italiane ha voluto assegnare il Premio al Territorio 2016, a riconoscimento di una invidiabile predisposizione naturale cui si aggiunge il fondamentale apporto dei produttori che, con la cura meticolosa dei vigneti, tutelano l’ambiente ed impreziosiscono i paesaggi.

Princic e Terraneo
Princic e Terraneo

L’ambito premio è stato consegnato da Vinarius durante la cena di gala del 23 maggio presso La Subida, all’interno del programma dedicato ai soci enotecari in occasione della visita sul territorio. Come di consueto, Vinarius ha individuato tre personalità emblematiche del territorio che, per la loro vita, per la loro carriera professionale, per il loro sentire, per tutto ciò che hanno fatto e per come lo hanno fatto, impersonano degnamente il Territorio premiato, diventandone le “mani” che ricevono ufficialmente il premio.  Questi i personaggi che rappresentano il Collio ed i suoi protagonisti:

Carlo Rubbia: L’Italia ha avuto un solo premio Nobel per la pace, uno per l’economia e uno per la chimica, mentre sono ben 6 quelli per la letteratura, 6 quelli per la fisiologia e per la medicina e 5 quelli per la fisica. Il Friuli Venezia Giulia, e in particolare il Collio, ha dato i natali proprio ad uno dei 5 premi Nobel per la Fisica italiani, Carlo Rubbia, Premio Nobel nel 1984 “Per il suo contributo decisivo ad un grande progetto che ha portato alla scoperta delle particelle W e Z, comunicatori di interazioni deboli”. Motivazione del Premio: Per il fondamentale contributo dato alla ricerca italiana, nel continuo tentativo di arricchire la preparazione e la produzione scientifica come ricercatore dedito, attento, curioso ed entusiasta di una carriera oggigiorno sempre più difficile da intraprendere, e per aver reso importante, non solo con il Premio Nobel, il nome del nostro Paese e di questo territorio.

collio_in_vespaMatteo Oleotto: Ha diretto e prodotto come opera prima un delicatissimo film molto vero, “Zoran, il mio nipote scemo” che si svolge proprio nelle frasche del Collio, a cavallo fra Italia e Slovenia. Il film ha vinto numerosi premi fra cui il premio del pubblico al Festival di Venezia. Fra tutti gli artisti e personaggi estranei al vino che la zona possa esibire, solo lui, forse, lega il lancio della sua carriera al vino del Collio. Motivazione del Premio Per aver raccontato con ironia dissacrante, ma anche tanto affetto, le bellezze segrete di questa terra di confine, con le sue imprecazioni in dialetto, le colline a vigneto che dominano il paesaggio, le bettole alticce e il vino locale che fa parte così integrante della vita del Collio.

Paolo Antoniazzi: Agronomo, enologo, fitopatologo, ha speso la sua vita al servizio della vite e del vino. Persona di grande cultura viticola, dal 1985 si occupa di lotta integrata e produzione biologica, dedicandosi al tema da precursore, in tempi dove solo una sparuta minoranza conosceva questi argomenti ed era consapevole della loro importanza. Motivazione del Premio: Per aver avuto la meritoria intuizione di realizzare in seno al Consorzio Collio per primo in Italia il servizio di lotta guidata, dimostrando una squisita ed anticipatrice sensibilità riguardo ai temi del rispetto della natura e dell’ambiente.

wineriesMapQuest’anno Vinarius ha assegnato il riconoscimento a Josko Sirk con la seguente motivazione: Ristoratore che ha  sempre valorizzato e promosso le eccellenze del Collio, divenendo vero e proprio appassionato  divulgatore della qualità del suo territorio. Da segnalare, infine, che il viaggio è stata l’occasione per rinnovare le cariche del direttivo Vinarius. Alla presidenza è stato riconfermato Andrea Terraneo che, affiancato dal nuovo Consiglio, manterrà l’incarico per i prossimi tre anni. L’elezione si è svolta il 24 maggio, all’interno del programma della manifestazione.

 

51 thoughts on “Vinarius alla scoperta del Collio e dei suoi protagonisti”

  1. Direct Generic Amoxicilina Best Website Medication With Free Shipping Tadalafil Generique 20mg [url=http://tadalaf20mg.com]online cialis[/url] Levitra Dauerstander

  2. Pingback: buy viagra
  3. Pingback: viagra for sale
  4. Pingback: male ed pills
  5. Pingback: ed meds online
  6. Pingback: cialis 10 mg
  7. Pingback: cvs pharmacy
  8. Pingback: canadian pharmacy
  9. Pingback: Buy cialis online
  10. Pingback: vardenafil price
  11. Pingback: levitra cost
  12. Pingback: levitra dosage
  13. Pingback: online casino
  14. Pingback: sildenafil 20 mg
  15. Pingback: casinos
  16. Pingback: payday loans
  17. Pingback: cash payday
  18. Pingback: instant loans
  19. Pingback: viagra 100mg
  20. Pingback: cialis to buy
  21. Pingback: cialis to buy
  22. Pingback: cialis 5 mg
  23. Pingback: cialis 20
  24. Pingback: generic for cialis
  25. Pingback: sildenafil 20 mg
  26. Pingback: online casino usa
  27. Pingback: casino slot
  28. Pingback: free casino games
  29. Pingback: casino games
  30. Pingback: sildenafil dosage
  31. Pingback: sildenafil 20 mg
  32. Pingback: tadalafil 5mg
  33. Pingback: cialis tadalafil
  34. Pingback: cialis buy cialis
  35. Pingback: rivers casino
  36. Pingback: slots real money

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.