Vinitaly indagine: millennials cinesi e usa a confronto

Divisi da un oceano, da culture differenti e da un diverso approccio al vino.

Sono i Millennials cinesi e americani, la “Generazione Y” più osservata dal mondo del marketing sotto la lente di una nuova survey comparativa, realizzata in occasione di Vinitaly dall’Osservatorio Paesi Terzi Business Strategies in collaborazione con Nomisma-Wine Monitor, che ha indagato stili e modalità di consumo del vino dai giovani nei due Paesi. Tante le differenze ma ancor di più i punti in comune, a partire dalla curiosità verso un prodotto ormai sempre più globale. Si parte dai consumi, che rappresentano la differenza principale: solo il 12% dei Millennials cinesi ha bevuto vino negli ultimi 12 mesi, contro il 62% dei coetanei americani. Sul fronte delle preferenze il vino italiano si posiziona ai primi posti, sono il 22% infatti i giovani consumatori cinesi che ritengono che il vino italiano abbia qualità superiore a quello francese, e sale al 35% la percentuale dei sostenitori del vino italiano tra i 21 e 35 anni negli Stati Uniti. Solo il 10% in Cina e il 4% negli Usa pensa che il vino italiano sia mediamente di qualità inferiore a quello francese. Per il 32% dei Millennials cinesi è il vino il prodotto bandiera del made in Italy, scelto dal 32% degli intervistati e seguito da moda (28%), arredamento e design (12%) e prodotti alimentari (9%). Eleganza (29%), qualità (24%) e tradizione (16%) sono le prime associazioni di idee che il vino suscita. Una brand reputation che fa ben sperare per il futuro ma a cui non corrisponde un adeguato valore delle vendite del nostro vino nel Paese del Dragone. Degli oltre 1,8mld di vino importato dalla Cina quello made in Italy rappresenta solo una piccola fetta (4,9%), con un valore di poco superiore ai 90mln di euro.

Articoli_888_11Per Silvana Ballotta, ceo di Business Strategies: “L’indagine dimostra come sia differente l’approccio al vino tra i giovani americani e quelli cinesi, ma più sul fronte dei volumi consumati che sugli atteggiamenti e sulle leve di acquisto del prodotto. In questi casi anche i Millennials cinesi che bevono vino sembrano avere le idee chiare e dimostrano di poter spendere più dei loro pari età americani. Un dettaglio da non trascurare, visto che, secondo il nostro Osservatorio Paesi terzi il prezzo medio del nostro vino in Cina continua a essere troppo basso (3,1 euro al litro), contro quello francese, che vale circa il 50% in più del nostro prodotto ed ha segnato una crescita del 23% nell’ultimo anno”. Nella classifica cinese per provenienza dei vini, l’Italia si classifica al secondo posto con il 14% delle preferenze, staccata dalla Francia che raccoglie invece il consenso del 30% del campione. Il 37% delle preferenze dei giovani americani valgono invece ai vini italiani il primo posto (37%), subito dopo quelli californiani (49%) e un passo avanti a quelli francesi (32%). Sul fronte regionale, entrano nella top15 cinese anche Sicilia e Piemonte, rispettivamente al 12° e 13° posto nel Paese del Dragone e al 12° e 15° posto negli Usa, dove la Toscana è la prima regione estera di provenienza, scelta dal 15%.

cinesi2Nella scelta del vino i più inediti giovani consumatori cinesi non si fanno influenzare dal prezzo e dalle promozioni: solo il 6% ha dichiarato di scegliere il vino in base alle promozioni o a considerazioni di portafoglio, in netta controtendenza rispetto agli orientamenti dei Millennials americani che indicano il prezzo e le promozioni come il primo criterio di scelta (22%). I Millennials che bevono vino in Cina sono infatti mediamente più ricchi rispetto ai coetanei americani, e con potere di acquisto superiore alla media. Circa 1 su 3 dei wine consumers nel Paese del Dragone appartiene alle due fasce di reddito più elevate, mentre questo è vero solo per il 15% degli americani. In entrambi i Paesi si dà molta rilevanza all’importanza del brand dell’azienda produttrice, che rappresenta il primo criterio di scelta per i cinesi (indicato dal 22%) e il terzo per gli americani (16%). Si allineano anche sull’importanza del consiglio di amici/negozianti, che è ritenuto rilevante dal 16% dei cinesi e dal 17% degli americani (rispettivamente al terzo e secondo posto). Mentre il Paese di origine del vino è molto importante per i Millennials cinesi (sono il 17% quelli che lo utilizzano come criterio di scelta), è solo al 5 posto nella lista delle considerazioni dei giovani americani (6%). Scende il livello di attenzione in entrambi i Paesi rispetto ad indicazioni più specifiche sull’origine geografica del prodotto (come la regione di provenienza e il vitigno) e alla pubblicità, sia in tv, riviste ma anche su internet e i social networks.

Nota metodologica: l’indagine ha coinvolto un campione di 2.300 Millennials in Usa e 1.200 Millennials in Cina. L’età di riferimento varia a seconda della legal drinkin age (18 anni in Cina e 21 anni negli Usa).

166 thoughts on “Vinitaly indagine: millennials cinesi e usa a confronto”

  1. Viagra Contre Indications [url=http://cpsmeds.com]cialis 5 mg[/url] Propecia Pas Cher Marseille Buy Priligy Cheap Buy Orlistat Prescription

  2. Is Amoxicillin An Acid Or Base [url=http://howtogetvia.com]viagra online prescription[/url] Nosipren Prednisona 20 Mg Propecia En Espana Receta Medica Clobetasol Website Secure

  3. Cialis A Marseille Propecia Hiperplasia Prostatica Kamagra Oral Jelly 10 [url=http://levicost.com]free levitra samples[/url] Prix De Levitra En Pharmacie

  4. Pingback: generic cialis
  5. Pingback: cialis 5mg price
  6. Pingback: levitra vs cialis
  7. Pingback: cheap viagra
  8. Pingback: ed medications
  9. Pingback: buy erection pills
  10. Pingback: erection pills
  11. Pingback: cvs pharmacy
  12. Pingback: Buy cialis
  13. Pingback: buy vardenafil
  14. Pingback: vardenafil pill
  15. Pingback: gambling games
  16. Pingback: what is viagra
  17. Pingback: casinos online
  18. Pingback: buy cialis
  19. Pingback: online loans
  20. Pingback: personal loans
  21. Pingback: quick cash loans
  22. Pingback: 20 cialis
  23. Pingback: new cialis
  24. Pingback: cialis to buy
  25. Pingback: buy cialis
  26. Pingback: 20 cialis
  27. Pingback: viagra samples
  28. Pingback: slot machine games
  29. Pingback: casino slot
  30. Pingback: casino game
  31. Pingback: casino world
  32. Pingback: viagra online usa
  33. Pingback: generic for viagra
  34. Pingback: canadian viagra
  35. Pingback: tadalafil 10 mg
  36. Pingback: purchase cialis
  37. Pingback: casino gambling
  38. Pingback: slot games
  39. Pingback: female cialis
  40. My coder is trying to persuade me to move
    to .net from PHP. I have always disliked the idea because of the costs.
    But he’s tryiong none the less. I’ve been using WordPress on various websites for
    about a year and am anxious about switching to another platform.
    I have heard great things about blogengine.net.
    Is there a way I can transfer all my wordpress posts into it?
    Any kind of help would be greatly appreciated! https://www.wisig.org/

  41. Pingback: viagra online
  42. Pingback: buy viagra online
  43. Pingback: generic viagra
  44. Pingback: cialis 20mg
  45. Pingback: female cialis
  46. Pingback: buy cialis bangkok
  47. Pingback: slot machine games
  48. how often can viagra be taken does wellcare for sd cover “viagra” where to buy inexpensive viagra help ed what happens if woman takes viagra does hobby lobby cover viagra do i need prescription for viagra

  49. order cialis usa [url=https://ccialisny.com/]order cialis online ottawa[/url] purchase generic cialis online

  50. cialis on line pharmacies [url=https://ccialisny.com/]generic cialis order online[/url] price cialis 36 hour

  51. componentes de levitra [url=https://llevitraa.com/]levitra for sale online[/url] levitra 10 mg ile 20 mg arasД±ndaki fark

  52. levitra ricetta ripetibile [url=https://llevitraa.com/]generic levitra for sale[/url] durata effetto del levitra

  53. Pingback: Pharmacy viagra
  54. Pingback: clozaril purchase
  55. Pingback: lopressor nz
  56. Pingback: tolterodine cheap
  57. Pingback: tamsulosinmg cost
  58. Pingback: azathioprine nz
  59. Pingback: propranolol pills
  60. Pingback: terbinafine price
  61. Pingback: ivermectin oral
  62. Pingback: clotrimazole cost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.