Corso di appassimento delle uve, l’Università della Tuscia in Cantina Valpolicella a Negrar

Quale territorio poteva ospitare un corso sull’appassimento delle uve se non la Valpolicella, i cui vini principe, il Recioto e l’Amarone, sono frutto di questa tecnica millenaria? Ddal 19 al 21 novembre 2015 il Dibaf (Dipartimento per la formazione nei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali) dell’Università degli Studi della Tuscia (Viterbo), in collaborazione con Assoenelogi, terrà nella sala convegni di Cantina Valpolicella Negrar il corso di formazione “Appassimento delle uve e qualità dei vini”, coordinato dal professor Fabio Mencarelli.

Gli insegnamenti, che spaziano dalla gestione del vigneto alle tecniche più innovative per la vinificazione delle uve appassite, saranno tenuti da docenti universitari e tecnici del settore. Le lezioni avranno inizio alle ore 9 e si succederanno fino a tardo pomeriggio/sera, con i classici intervalli dedicati al ristoro ma anche a degustazioni e a visite in cantina. “Siamo felici di ospitare questo corso perché siamo consapevoli della necessità in viticoltura dell’apprendimento permanente, nonché dell’utilità dello scambio e del confronto con il mondo della ricerca”, commenta Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar.

Il corso, a numero chiuso, ha un costo di partecipazione 380 euro tutto incluso fuorché l’alloggio, iscrizioni entro 10 novembre, maggiori info tel. 0761-357494 email: tommasi@unitus.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.