“Alle radici del vino”: il corso di approfondimento in vigna e in cantina di Onav Vicenza inizia dall’impianto del vigneto moderno

Con la prima uscita in vigna, di sabato 20 febbraio, si è aperto il percorso di approfondimento per soci assaggiatori organizzato dalla delegazione Onav di Vicenza. La prima tappa ha portato gli enoappassionati berici fino a Roncade (Treviso), dove con l’accompagnamento di Luigi Bonato di Evoluzione Ambiente (l’agenzia specializzata in consulenza vitivinicola di Oderzo – TV) hanno toccato con mano le diverse fasi di realizzazione di un vigneto. Dalla sistemazione agraria, con la posa dei dreni, l’interpretazione di un segnale GPS, la progettazione dei filari, il trapianto delle barbatelle e la palificazione in corso presso la Tenuta Cà Tron di Roncade (Treviso), la grande azienda agricola di proprietà di Cattolica Assicurazioni, sono state per un giorno la dispensa tecnica su cui la docenza del Dottor Bonato ha potuto far leva. Quindi la parte operativa sulle forme di allevamento e delle tecniche di potatura della vite, che presso la Tenuta Cà Tron convivono in una sorta di catalogo all’aperto: Guyot, ma Guyot modificato su due livelli, Cordone speronato, Cordone libero e fino al…non potato, la forma libera per eccellenza dove la vite enfatizza la propria capacità di individuare il suo naturale equilibrio.

2016-02-20 11.52.37Disquisizioni su disciplinari, regole qualitative e innovazione in vitivinicoltura sono stati i fili conduttori che hanno accompagnato la giornata di approfondimento. I piani di difesa integrata con l’ausilio di capannine meteo, l’adozione di tecniche evolute di viticoltura di precisione consentono oggi di ottimizzare gli imput in campo, perseguendo proficuamente l’obiettivo enologico dell’azienda vitivinicola. La possibilità di constatare come il vino nasca effettivamente dalla vite e come dal vigneto, complice l’intelligenza e la mano del vignaiolo, sia il vero responsabile delle caratteristiche che si ritroveranno nel calice, sono le prerogative che ogni buon appassionato, competente, dovrebbe praticare e con cui dovrebbe acquisire familiarità. L’approfondimento in campagna ha guidato i corsisti di Onav Vicenza a comprendere la necessità di conoscere la fisiologia della vite per adattare una meccanizzazione specializzata, a volte estrema, ma che consenta di fare reddito salvaguardando la qualità della produzione e se possibile incrementandola. Potatura, cimatura, sfogliatura, trattamenti di protezione delle piante e raccolta con un impiego di meno di 75 ore/Ha di manodopera sono risultati estremi, ma raggiungibili, finanche con produzioni di vini in denominazione e di alto profilo.

degustazion_1Non poteva mancare la degustazione finale dei vini del territorio: regina della giornata la Società Agricola Le Rive di Negrisia di Ponte di Piave (Treviso), dove Luigi con il fratello Andrea Bonato gestiscono e sperimentano, con uno slancio entusiasmante, un nuovo modo di fare vitienologia, ottenendo interessanti riconoscimenti nei concorsi enoici. La panoramica enoica è stata incentrata sui vini bianchi: da un Glera IGT in purezza a diverse declinazioni di Prosecco DOC. Dal Manzoni bianco (IM 6-0-15) al Grapariòl, un vitigno autoctono e storico chiamato anche Raboso bianco. Non poteva mancare il Pinot grigio, qualche espressione di Chardonnay e di Sauvignon blanc. Quindi qualche vino rosso, dal Raboso piave (anche in versione rosato, allo Schioppettino IGT delle Venezie in versione vivace appena percepito (meno di 1 atm di pressione in bottiglia). Qualche uvaggio da IGT Veneto con le varietà storiche (Merlot, Cabernet) e chiusura della panoramica di questi “primi 18 vini” con un Moscato giallo spumante di 7,5 %vol di alcol. Primi perché l’azienda Le Rive ha fatto dell’assortimento un suo cavallo di battaglia: complessivamente dalla cantina dei fratelli Bonato escono ben 42 tipologie di vino.

Armido Bertolin

One thought on ““Alle radici del vino”: il corso di approfondimento in vigna e in cantina di Onav Vicenza inizia dall’impianto del vigneto moderno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.