ONAV Novara: quattro passi in Sicilia

La Sicilia è terra di sole, di mare, di antichissime tradizioni e cultura in cui si sono incontrate molte civiltà del passato.

Vito Mezzapelle esperto degustatore, che fa parte del direttivo delle Città del Vino, ha guidato i presenti in un viaggio ideale attraverso l’isola presentando ben sette vini di sette uvaggi diversi provenienti da cinque cantine di produzione:

– Grillo (Riddu in siciliano), vitigno a bacca bianca Coltivato nella zona di Marsala e Trapani, da cui si ricava un vino giallo paglierino asciutto, caldo, leggermente tannico, con aromi freschi molto marcati. Si è degustato il vino DOC Sicilia 2018 di Caruso e Minini prodotto nei vigneti di Giummarella e Cuttaia sulle colline a Est di Marsala
– Moscato d’Alessandria (noto come Zibibbo), vitigno a bacca bianca prodotto nel trapanese e a Pantelleria da cui si ottiene un vino giallo paglierino carico con riflessi dorati ad elevata alcolicità, l’uva è ottima anche per il consumo diretto. Si è degustato l’IGP Terre Siciliane Zibibbo Gibelè 2018 di Carlo Pellegrino

– Catarratto, vitigno autoctono a bacca bianca prodotto in provincia di Trapani, che dà un vino caldo con acidità accentuata. La degustazione si è orientata su
un IGP Terre Siciliane Catarratto Kelbi 2018 di Carlo Pellegrino prodotto a Mazara del Vallo
– Perricone, vitigno a bacca rossa prodotto principalmente nella parte occidentale dell’isola da cui si ottiene un vino rubino alcolico, con corpo, talvolta amarognolo e tannico. Si è degustato un IGP Terre Siciliane Perricone 2017 Caruso e Minnini

– Frappato, antico vitigno autoctono a bacca nera, che dà un vino corposo e abbastanza tannico. In degustazione è stato presentato il vino DOC Vittoria Frappato Mandragola di Paolo Calì
– Nero d’Avola, vitigno a bacca nera il cui sinonimo Calabrese denuncia la probabile provenienza, che dà un vino molto alcolico corposo e di buona acidità. Si è degustato l’IGP Terre Siciliane Nero d’Avola 2015 Q uignones.
– Marsala, si produce in provincia di Trapani (esclusi Pantelleria, Favignana e Alcamo) ed ha innumerevoli varianti sia di composizione di uve sia di colore, invecchiamento e tenore zuccherino. Il vino presentato era un DOC Marsala Superiore Garibaldi Dolce di Martinez.

Alla degustazione erano presenti oltre a Vito Mezzapelle altri rappresentanti delle città del vino tra i quali il Vicepresidente Stefano Vercelloni che ha fatto gli onori di casa, in quanto Vicesindaco di Sizzano. Al termine della degustazione dei vini Vito Mezzapelle ha proposto la degustazione del suo olio ottenuto con spremitura a freddo di olive Cerasuola e Biancolilla, un olio extra vergine con profumi delicati e floreali di alta qualità.

Maria Antonietta Zonca